Confronto serrato su riforma costituzionale e Italicum a Piazzapulita (La7) tra il sindaco di Bergamo Giorgio Gori (Pd) e il giornalista Luca Telese. Si comincia con il dibattito sul nuovo Senato, riguardo al quale Telese osserva: “Avremo 100 nominati, noi non decideremo nulla. I Consigli Regionali faranno un listino, come successe per Nicole Minetti. Tu, Gori, per caso sai chi hai votato nel tuo listino regionale?“. Dopo una pausa, il sindaco Pd ammette: “No, ma quello che dici è legato all’Italicum, che non è oggetto del referendum. Potrà essere cambiato se ci sarà una nuova maggioranza“. Il faccia a faccia prosegue sull’attività di un futuro senatore. Telese sciorina tutti gli ultimi impegni dell’agenda settimanale di Gori, per dimostrare la mole onerosissima di lavoro che lo aspetta. E spiega: “Renzi dice che un sindaco-senatore andrà al Senato una volta al mese, roba da antidoping. In pratica, un sindaco deve staccare da questo calendario folle, lascia la famiglia e va al Senato per prendere visione di 1200 pagine di un trattato europeo o di riforme costituzionali prossime venture. Deve votare tutto in 24 ore e poi se ne torna a governare la sua città”. Gori ribatte: “In Francia e in Germania c’è un ramo del Parlamento così, fa il doppio lavoro e lo fa benissimo”. Nel finale, sotto lo sguardo attonito di Gori, Telese srotola una lunga pergamena, che riporta il nuovo art. 70 della Costituzione, così come è previsto nella riforma

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dario Fo, D’Agostino vs Scanzi: “E la sua vita coniugale? No al santino”. “Non puoi semplificare così”

next
Articolo Successivo

Fo, il tributo di Crozza: “Un intellettuale che non ha mai avuto paura di schierarsi”

next