Il Sreferendumì al referendum in crescita, ma il No ancora saldamente in vantaggio. I sondaggi effettuati da Emg per il TgLa7 del 10 ottobre certificano un distacco di 4 punti a favore del fronte dei contrari alla riforma costituzionale che cresce dello 0,3% rispetto alla settimana scorsa, e si attesta a quota 36,3%; si fermano al 32,3%, invece, i sostenitori della legge Boschi, con un aumento che sfiora il punto percentuale.

Secondo la rilevazione, da segnalare il fatto che i tre quarti di coloro che nell’ultima settimana hanno preso posizione sul referendum sono andati a rinforzare il fronte del Sì. A poco più di 50 giorni dalla consultazione del 4 dicembre, resta però alta l’incertezza. Da un lato gli indecisi (in calo rispetto alla scorsa settimana dell’1,2 per cento): tra quanti si recheranno alle urne, e cioè il 56,2% degli aventi diritto, il 31,4% non ha ancora deciso come votare. Dall’altro, coloro che un’opinione sulla riforma l’hanno già maturata, ma potrebbero cambiarla nei prossimi giorni di campagna referendaria: un fronte, questo, che per Emg oscilla intorno al 15%.  partiti-1

Per quanto riguarda i partiti, le rilevazioni condotte dell’istituto di Fabrizio Masia – rilevazioni che presentano un margine d’errore tra il 2 e il 3% – mostrano una notevole vicinanza tra le prime due forze in campo. Il Pd, scosso dall’assoluzione dell’ex sindaco Ignazio Marino e dalle divisioni interne legate all’Italicum e al referendum costituzionale, riscuote il 30,7% dei consensi, in calo di 0,3% rispetto al 3 ottobre. Un calo speculare alla crescita che fa registrare, nello stesso periodo, M5s, che sale a quota 30,2%. Terzo partito si conferma la Lega Nord, con il 12,8% (+0,2%); Forza Italia perde partiti-2lo 0,6% e si ferma al 10,8%Fratelli d’Italia e Sinistra italiana sono invece rispettivamente fermi al 4,2% e al 3,8%.

Qualora il fronte del centrodestra si presentasse compatto alle prossime elezioni, la situazione risulterebbe più incerta. Pd e M5s si confermano, anche in questo scenario, le forze con maggiori consenso: 31,1% per i dem, con un calo di mezzo punto, e 30,7% per i pentastellati, che recuperano lo 0,6%. Un eventuale listone unico con Lega, Fi e FdI, però, si attesterebbe, in lieve risalita, al 28,2%. Tre forze, dunque, racchiuse in meno di 3 punti. ballottaggio-1

Quanto ai ballottaggi, M5s si conferma imbattibile. Sconfiggerebbe in maniera netta sia il Pd sia il centrodestra. Nel primo caso il divario sarebbe di 7 punti (53,4% contro 46,6%); nel secondo, invece, la forbice ben più ampia (57,2% contro 42,8%). Se a raggiungerebbe il secondo turno fossero Pd e centrodestra, i dem conquisterebbero la vittoria finale con il 52,3% dei consensi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum costituzionale 2016, il quesito tradotto in italiano

prev
Articolo Successivo

Referendum, approvata delibera sulla par condicio: “Stessi spazi a favorevoli e contrari”

next