Roma, metro B, domenica pomeriggio. Due ragazzi accendono una sigaretta a bordo. Un uomo, 37 anni, si rivolge a loro: “Qui non si fuma”, gli dice. Poche parole che fanno scattare un diverbio violento, che degenera presto in un pestaggio: i due fumatori iniziano a picchiare lui e la madre, anche lei a bordo. Un’aggressione violenta che gli causa un trauma cranico, fratture alla scatola cranica e un’emorragia cerebrale. Secondo quanto si apprende da fonti ospedaliere la vittima non ha mai perso conoscenza, è vigile e collabora con i medici e in giornata sarà sottoposto ad un intervento chirurgico di fissazione e stabilizzazione delle fratture sul cranio. I medici si dicono moderatamente ottimisti. Per lei, 60 anni, varie contusioni e una prognosi di otto giorni.

L’episodio è avvenuto il 18 settembre intorno alle 15.30. La donna e il figlio, scesi alla fermata di piazza Bologna, sono stati poi soccorsi e trasportati all’ospedale Umberto I. La segnalazione è arrivata alla sala operativa e, quando i poliziotti del commissariato San Lorenzo, Porta Pia e reparto volanti, sono giunti a piazza Bologna, gli aggressori si erano già allontanati. Grazie alla descrizione fornita però, gli agenti li hanno rintracciati e i due sono stati successivamente riconosciuti dalle due vittime.

Uno di loro ha reagito agli agenti e ha danneggiato l’auto di servizio. Bloccati, sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio e si trovano ora a Regina Coeli. Si tratta di due giovani di Caserta, di 24 e 26 anni, con precedenti per rapina e spaccio. I due erano nella Capitale per una ‘toccata e fuga’. Sarebbero risultati estranei all’aggressione gli altri due giovani che erano con loro sul convoglio. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, madre e figlio, entrambi residenti a Tivoli, erano saliti in metro a Termini in direzione Rebibbia per fare rientro a casa. E intanto l’Atac ha scaricato le registrazioni delle telecamere per metterle a disposizione degli inquirenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicotera, matrimonio show – Informata la Dda di Catanzaro. Presente anche pilota del funerale di Casamonica

next
Articolo Successivo

Calabria, il villaggio turistico costruito sul sito archeologico. Contro ogni regola

next