Battibecco animato a In Onda (La7) tra Maria Teresa Meli, firma de Il Corriere della Sera, e Pietro Senaldi, direttore responsabile di Libero, sul caso Raggi-Muraro. A commentare l’operato della prima cittadina di Roma è il filosofo Umberto Galimberti: “La Raggi è stata eletta sindaco, quindi deve governare lei, non il Direttorio. E non dica: ‘Grillo mi ha mandato un sms di sostegno’. Cosa importa a me di Grillo? A me pare che tutta la struttura del M5S assomigli un po’ a Scientology. Sono veramente preoccupato del fatto che un sindaco non può governare, perché è sotto tutela. E poi parlano di democrazia. Ma dov’è questa democrazia?”. A dare il carico a bastoni è Meli, che invoca le dimissioni della Raggi: “In un Paese civile, ma l’Italia non lo è, in una situazione del genere un sindaco si dimette, perché ha mentito. Raggi e Muraro hanno detto una bugia. Si dimettano. Stop. E’ sotto gli occhi di tutti che questa giunta la stiano conducendo gli amici di Alemanno. C’è una lunga continuità, ma non dico altro per evitare querele”. Senaldi osserva: “Noi di Libero abbiamo fatto un pezzo in cui invitiamo scherzosamente la Raggi a tornare da Previti. La vicenda è veramente surreale, ma non sono affatto stupito che un politico menta. Mi infastidisce, ma non mi indigna al punto da chiederne le dimissioni, anche perché, se ogni politico che mente dovesse dimettersi, non avremmo nessun politico”. E aggiunge: “Anche Renzi ha mentito sulla crescita. Si deve dimettere?“. “Renzi dove ha mentito sulla crescita?”, insorge Meli. “Allora non sa leggere le tabelle” – ribatte Senaldi – “o lo informano male o qualcuno gli ha mentito”. La giornalista del Corriere spiega il suo punto di vista e si inalbera: “Se dobbiamo cazzeggiare, cazzeggiamo e giochiamo. Se dobbiamo parlare sul serio, parliamo sul serio”. “E allora non si capisce mai di cosa parla Renzi” – replica Senaldi – “L’Italia è più ricca o più povera? E’ più povera, quindi ha mentito”. “L’Italia non è più ricca” – osserva Meli – “come non era più ricca quando c’era il tuo amico Berlusconi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unioni gay, Adinolfi: “Sbagliato equiparare le famiglie. Comunità Lgbt lucrano potere e carriere politiche”

prev
Articolo Successivo

Crisi Raggi, Mentana vs Orfini: “Muraro vicina a destra romana? Se chiami l’idraulico gli chiedi che ti ripari il rubinetto non cosa vota”

next