Come ci si difende dagli eccessi del web e dagli attacchi dei webeti? “Dagli eccessi ci si difende sempre con l’intelligenza – è la risposta di Pietrangelo Buttafuoco -, non c’è altra difesa che quella di dare autorevolezza al contenuto”. Alla festa del FattoQuotidiano in corso al Parco La Versiliana si parla anche di questo: “Conosco molti colleghi che non aprono profili social per paura di scontrarsi con questi soggetti – spiega Andrea Scanzi -, per avere profili social bisogna avere un fisico bestiale e una bella autostima, oltre ad ironia e autoironia“. E, continua: “La stragrande maggioranza dei commentatori scrive per insultare. Se oggi dico c’è il sole, sono certo che in 80 mi danno del cretino, che magari è vero ma non ha nulla a che fare con il fatto che oggi c’è il sole. Forse è triste ma fa parte del gioco”. Per Alessandro Robecchi: “La libertà di pensiero non è mai dannosa. Sta alla sensibilità e allo stile di chi comunica, ma fortunatamente porre dei limiti è antistorico”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non sono pentito di #jesuischarlie

next
Articolo Successivo

Social network, Travaglio: “Ci sono troppi codardi anonimi, non sono riuscito ad appassionarmi”

next