Se sei solo, sei uno sfigato. Se vai al cinema solo, se vai al ristorante solo, se passi un sabato sera (delitto!) solo, se vai al parco da solo sei uno sfigato. O, comunque, uno strano. Perché la solitudine non la si sceglie, la si subisce. E anche il termine ha un’accezione negativa, basti pensare che i sinonimi offerti sono parole allegre tipo: “isolamento”, “lontananza”, “abbandono”, “emarginazione”. Figurarsi, quindi, andarsene in vacanza da soli: siamo ai limiti dell’ostracismo, niente selfie in riva al mare con gli amici, niente braciate, niente partite di beach volley, niente foto spiritose con il cocktail con l’ombrellino: “Ma sei matto?”
O forse no? In realtà di persone che scelgono di mollare tutto e andarsene da sole a scoprire un pezzetto di mondo (anche piccolo e non necessariamente a 3000 km di distanza) ce ne sono più di quante possiamo pensare. E spesso, almeno secondo me, sono anche le persone più interessanti da conoscere. Quella dei viaggiatori “in solitaria” (Alè! Altra parola positiva…) è una comunità mossa dagli stessi interessi, dalla stessa curiosità, dalla stessa voglia di qualcosa di diverso. E magari anche per loro ci saranno braciate, beach volley e cocktail con l’ombrellino, solo con gente mai vista prima. Con gente che se ne frega di incasellarsi in una definizione, fa il biglietto e parte. Ed è molto più facile di quanto può sembrare, basta iniziare e fare quel biglietto. Il resto verrà da sé, anzi: da te.
Ecco, quindi, qualche pratico consiglio e una breve guida semiseria al tuo primo viaggio da solo. Buon divertimento.
viaggiare-soli1 viaggiare-soli2 viaggiare-soli3 viaggiare-soli4 viaggiare-soli5 viaggiare-soli6 viaggiare-soli7 viaggiare-soli8 viaggiare-soli9 viaggiare-soli10 viaggiare-soli11

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Con il sangue dei partigiani ci laverem le mani’: l’eccidio dei martiri di Villamarzana

next
Articolo Successivo

“Il licenziamento è stata la molla per cambiare vita in Costa Rica. Correre ogni giorno non è vivere”

next