L’esorcismo, pur essendo una pratica religiosa ufficialmente riconosciuta dalla Chiesa, è un argomento a cui bisogna avvicinarsi in punta di piedi, offuscato da prese di distanza e silenzi. Eppure è qualcosa che spesso accade vicino a noi, nella via accanto alla nostra, alla luce del sole. A Milano, vicino alla Stazione Centrale, c’è il “Servizio Diocesano Gerasa”, dove lavorano alcuni degli esorcisti nominati dai vescovi. Come in uno studio medico ci sono orari precisi, stanze apposite e un numero di telefono dedicato: la gente arriva ogni giorno da tutta Italia per farsi aiutare. Tuttavia all’interno della Chiesa stessa convivono anime diverse: esorcisti che praticano ogni giorno e altri che dicono sia una rarità incontrare persone possedute da Satana. Tra questi ultimi c’è don Egidio Zoia, esorcista dal 1993: “A me non è mai successo. È più un ministero di consolazione. Mi sono accorto che la gente ha bisogno di persone con le quali confidarsi”. Infine ci sono i truffatori, sedicenti guaritori che, senza alcuna autorità o permesso, promettono miracoli e liberazioni in cambio di offerte “volontarie”, praticano benedizioni “in lingue che non conoscono” e si definiscono “profeti”  di Andrea de Cesco e Federica Scutari

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terrorismo, Alfano: “Espulso imam di Andria”. Era stato assolto da Cassazione

prev
Articolo Successivo

Napoli, scoperto un nuovo sistema contrabbando: Sequestrate 9 tonnellate di sigarette

next