Dopo Fitch, anche l’agenzia Moody’s ha posto sotto osservazione il rating delle obbligazioni bancarie garantite e dei depositi del Monte dei Paschi di Siena per una possibile revisione con “direzione incerta”. Lo si legge in una nota diffusa a seguito dei conti semestrali e del piano di salvataggio dell’istituto senese. La metodologia applicata dagli analisti di Moody’s prende in considerazione le perdite previste dei covered bond sui mutui e sulla puntualità dei pagamenti delle cedole. Nel caso dei covered bond sui mutui gli analisti dell’agenzia di rating calcolano le probabilità di un’interruzione dei pagamenti delle relative cedole al 15,6% nel caso di Mps, a fronte di un rischio di mercato del 10,6%. Il rischio collaterale di Mps è invece, secondo Moody’s, del 7,5%, a fronte di un rischio di mercato del 5%. Quanto alla puntualità dei pagamenti delle cedole, la valutazione su Mps dell’agenzia di rating è “molto alta” (very high), anche se il margine è “limitato” e una sua riduzione potrebbe “avere ripercussioni dirette sul rating dei covered bond”.

Fitch aveva messo sotto osservazione il rating sulle obbligazioni bancarie garantite di Rocca Salimbeni l’8 agosto, spiegando che deciderà se peggiorare il giudizio una volta deciso quello sull’emittente Mps sulla base dell’esito del piano di dismissione dei crediti in sofferenza e dell’aumento di capitale da 5 miliardi di euro. “L’attuale rating sui covered bond – ha annunciato Fitch – non ha un cuscinetto contro un downgrade” dell’emittente e a parità di condizioni “qualsiasi movimento in alto o in basso del rating sull’emittente si rifletterà sui rating dei covered bond”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antitrust, multa da 1,64 milioni alla società di prestiti personali Agos Ducato: “Pratiche ingannevoli e aggressive”

prev
Articolo Successivo

Peppa Pig, un miliardo di sterline non basta. Entertainment One rifiuta l’offerta di Itv

next