Mi sento provata, è stato un pezzo di vita. Vivere senza il Tg3 non sarà facile. Tristezza e malinconia per questo addio che mi provoca dolore”. Dopo il suo ultimo editoriale, in aperta polemica, con cui ha lasciato la direzione del Tg3, Bianca Berlinguer è stata ospite a “In Onda” su La7, dove la giornalista è tornata sul caso annunciando anche il suo nuovo programma con Miche Santoro. “Già ho cominciato a lavorare, a vedere come potrebbe essere progettata questa nuova trasmissione di informazione quotidiana, che andrà in onda alle 18,30 in una fascia non facile, con una seconda serata che sarà poi a febbraio, sarà una vita diversa dal tg”. La Berlinguer ha poi ricordato il suo predecessore: “Sandro Curzi non si è mai assoggettato alla politica, è stato l’uomo che capì l’importanza della Lega Nord. Curzi per me è rimasto il mio maestro come altre persone come Giovanni Minoli, con cui ho cominciato e che mi ha insegnato le tecniche tv e Michele Santoro con cui tornerò a lavorare e ne sono contenta”. Ritornando sulla questione delle pressioni ha poi aggiunto: “In Rai mi sono sempre sentita libera delle mie scelte e mi sono assunta le responsabilità, la libertà è nelle nostre mani”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nomine Tg Rai, Freccero: “Renzi? E’ molto cattivo, ma in caduta libera. Noi del ‘68 vinceremo”

prev
Articolo Successivo

Riforme, Ricci (Pd) vs Gomez: “Se ne parla da 30 anni”. “Avete partorito una schifezza”

next