“Dalla Rai ci siamo passati tutti e tutti allo stesso modo, chi è senza peccato scagli la prima pietra. La Rai non è cambiata: ai partiti interessa solo quello che dice di loro questo o quel telegiornale“. Così il direttore del TgLa7 Enrico Mentana, ospite a La Gabbia Open (La7), ritorna sulla polemiche delle nomine dei nuovi direttori dei tg della tv pubblica. “La Rai sarà sempre la stessa fino a quando – prosegue Mentana – a sceglierne le sorti e a scegliere i dirigenti e il consiglio d’amministrazione sarà il Parlamento, perché ogni politico penserà soltanto alla sua parte politica e non all’interesse del Paese

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Mentana (TgLa7): “Nomine dei Tg? La prova che l’editore è la politica”

next
Articolo Successivo

Nomine Tg Rai, Freccero vs Klaus Davi: “Difendi Renzi per continuare a fare l’opinionista in tv”

next