La Sea Shepherd Conservation Society è un’organizzazione senza scopo di lucro che si occupa della salvaguardia della fauna e degli ambienti marini. In questo filmato, girato nelle acque del Gabon dove le compagnie mondiali della pesca industriale gestiscono in esclusiva quella del tonno, mostra che a farne le spese è spesso lo splendido squalo balena, specie già fortemente minacciata per il commercio delle sue carni sul mercato Cinese e Giapponese. Lo IUCN, L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, è una organizzazione non governativa internazionale con sede a Gland in Svizzera. Ha stilato una lista rossa delle specie marine più minacciate. Lo squalo balena rientra nella triste classifica dopo che negli ultimi 75 anni la sua popolazione si è dimezzata. L’operazione Albacore continua ad assistere le autorità del Gabon per ridurre gli incidenti nei quali viene coinvolta la fauna marina. Il video è un esempio di questo impegno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rouen, secondo killer schedato il 29 giugno. Ma 007 francesi credevano fosse in Turchia o Siria

prev
Articolo Successivo

Giochi di prestigio con le carte: per farli senza mani devi essere un mago. Ecco Mahdi Gilbert

next