“Ieri sono uscite le prime indiscrezioni sui megastipendi dei professionisti della propaganda di regime che sforano abbondantemente il tetto di 240.000 euro grazie a un cavillo voluto da tutto il Pd, che oggi con il suo presidente Orfini fa finta di indignarsi. Ipocrita”. Così il blog del Movimento 5 Stelle che ha ripubblicato l’intervento di ottobre 2015 della parlamentare Mirella Liuzzi. Durante la legge di riforma della governance del Servizio pubblico, l’onorevole M5S illustrava un emendamento per impedire proprio i gli stipendi d’oro dei dirigenti della tv di Stato. “Tutti sapevano che sarebbe stato possibile superare il tetto degli stipendi Rai di 240mila euro grazie all’emissione di obbligazioni finanziarie – spiega la diretta interessata – Ma il Pd voto contro, come votò contro quando ripresentai lo stesso emendamento durante la legge di stabilità. Quindi è ridicola e falsa l’indignazione di Matteo Orfini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Pd all’attacco dei vertici nominati da Renzi: “Superstipendi a dirigenti che non hanno incarichi”

next
Articolo Successivo

Rai, ecco gli altri dirigenti e giornalisti con stipendi superiori ai 200 e ai 300mila euro

next