“Ieri sono uscite le prime indiscrezioni sui megastipendi dei professionisti della propaganda di regime che sforano abbondantemente il tetto di 240.000 euro grazie a un cavillo voluto da tutto il Pd, che oggi con il suo presidente Orfini fa finta di indignarsi. Ipocrita”. Così il blog del Movimento 5 Stelle che ha ripubblicato l’intervento di ottobre 2015 della parlamentare Mirella Liuzzi. Durante la legge di riforma della governance del Servizio pubblico, l’onorevole M5S illustrava un emendamento per impedire proprio i gli stipendi d’oro dei dirigenti della tv di Stato. “Tutti sapevano che sarebbe stato possibile superare il tetto degli stipendi Rai di 240mila euro grazie all’emissione di obbligazioni finanziarie – spiega la diretta interessata – Ma il Pd voto contro, come votò contro quando ripresentai lo stesso emendamento durante la legge di stabilità. Quindi è ridicola e falsa l’indignazione di Matteo Orfini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, Pd all’attacco dei vertici nominati da Renzi: “Superstipendi a dirigenti che non hanno incarichi”

prev
Articolo Successivo

Rai, ecco gli altri dirigenti e giornalisti con stipendi superiori ai 200 e ai 300mila euro

next