Non sono bastati il rinnovo dei direttori delle reti e l’allontanamento di conduttori considerati sgraditi. La Rai, tuonava il 19 luglio il renzianissimo Michele Anzaldi, resta “tutt’altro che renziana“. A pochi giorni di distanza il Partito Democratico va all’attacco dei nuovi vertici di viale Mazzini nominati dallo stesso governo Renzi, prendendo come casus belli i superstipendi dei dirigenti rivelati dal Fatto Quotidiano650mila euro del direttore generale Antonio Campo dall’Orto, i 392mila del capo di Rai Pubblicità Antonio Marano, i 336mila del presidente Monica Maggioni, che superano di molto il tetto di 240mila euro previsto per i piani alti di viale Mazzini dall’ex dg Luigi Gubitosi. E nel mirino finiscono anche i funzionari che percepiscono centinaia di migliaia di euro senza avere incarichi nell’organigramma aziendale.

Il fuoco di fila dei contestatori è partito nel primo pomeriggio, mentre a viale Mazzini venivano ultimati i preparativi della conferenza stampa con cui è stato presentato il piano trasparenza che lunedì verrà portato in cda. A dare fuoco alle polveri è stato Anzaldi, testa d’ariete dello schieramento renzista in materia: “Nel servizio pubblico radiotelevisivo ci sono decine di dirigenti con stipendi da favola, pagati spesso per non fare nulla – attacca su Facebook il segretario della commissione di Vigilanza – e l’azienda come intende affrontare questo problema? Continuando ad assumere esterni?”, domanda in via retorica il deputato del Pd che solo il 19 luglio aveva lanciato il suo ultimo strale: “Il Tg3 di questi giorni ancora una volta si è confermato un vero e proprio megafono della minoranza interna del Pd. Ecco la Rai al tempo di Campo Dall’Orto, tutt’altro che renziana, come qualcuno avrebbe voluto lasciar credere”. Una Rai che per Anzaldi resta “tutt’altro che renziana” nonostante negli ultimi mesi l’azienda abbia detto addio due protagonisti dell’informazione in prima serata: Massimo Giannini, conduttore di Ballarò, del quale lo stesso Anzaldi aveva chiesto il licenziamento il 27 gennaio, e Nicola Porro, conduttore di Virus.

Ma l’affondo di maggior peso sulle dirigenza messa insieme dal governo Renzi arriva da un nome di primo piano nel partito: “Alcuni di quei compensi sono più che giustificati: se vuoi strappare ai concorrenti un bravo manager, lo devi pagare quanto vale sul mercato – scrive su Facebook Matteo Orfini, presidente del Pd – il problema è che molti dei beneficiari di quegli stipendi non hanno alcun mercato: sono dove sono solo ed esclusivamente per il rapporto incestuoso che per anni l’azienda ha avuto con la politica. Prova ne è il fatto che molti oggi non hanno in Rai alcun incarico, ma conservano il loro compenso”.

Lancia in resta parte anche il senatore della minoranza Pd, Federico Fornaro: “Quel che più colpisce nei dati relativi ai compensi Rai, è l’elevato numero di dirigenti senza incarico che percepiscono stipendi ben al di sopra della media – afferma il  membro della Commissione di Vigilanza – nonostante una delle attività in cui si è maggiormente distinto il nuovo direttore generale Campo Dall’Orto sia stata proprio l’assunzione di numerosi dirigenti dall’esterno, non solo in posizioni fiduciarie del direttore generale. I nuovi vertici Rai si stanno comportando esattamente come i loro predecessori, con buona pace di una riforma che avrebbe dovuto cambiare verso alla Rai”.

All’attacco anche il Movimento 5 Stelle: “Mentre arrivano le rate del canone da pagare vediamo stipendi pezzi grossi Rai assolutamente vergognosi – scrive in un tweet Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5S – media 300.000 euro all’anno. Sforato ampiamente tetto massimo 240.000 euro all’anno. Smentita l’ennesima balla di Renzi. Intanto arriva il canone in bolletta”.

I vertici dell’azienda non retrocedono di un passo: “Noi pubblichiamo tutto quello che è sopra 200mila euro, ma il famoso tetto dei 240 mila per la Rai non esiste”, spiega il dg Campo Dall’Orto. E ha ragione: il limite previsto da Gubitosi non vale, infatti, per le quotate e per chi emette sul mercato titoli di debito. Come ha fatto per tempo Viale Mazzini. “Ogni tanto torna questa cifra dei 240 mila euro – spiega lo stesso direttore generale – ma è un tetto superato da tempo”, spiega, con l’emissione del bond. “Se ci fosse un tetto lo rispetteremmo – aggiunge – sono invece sereno perché l’analisi condotta da Korn Ferry – Hay Group indica che le remunerazioni delle posizioni apicali, ovvero del team che sta intorno a me, stanno il 15% sotto il livello di posizioni analoghe su mercato”.

“Capisco che è molto più semplice concentrarsi sulle questioni di emolumenti e stipendi – si difende la presidente Maggioni in conferenza a viale Mazzini – ma per noi significa ancora e molto, molto di più. Ci allineano con la Bbc e questo è importante”. “La trasparenza è parte stessa dell’essere servizio pubblico, un valore per mandato e per missione che serve nel relazionarsi con i cittadini che pagano il canone. E’ un’operazione di sostanza – aggiunge la giornalista – perché trasparenza significa anche il racconto delle persone e accedere ai curricula non è banale: è guardare in faccia e avere elementi seri di chi hai di fronte”.

Al servizio pubblico britannico fa riferimento anche Campo dall’Orto per annunciare che “non ci saranno i contratti delle star Rai” tra quelli pubblicati lunedì nell’operazione trasparenza di Viale Mazzini: “La norma tiene fuori i contratti artistici, non per fare uno sconto agli artisti, ma per una questione di competitività in un mercato che li pone al centro. Neanche la Bbc, che è arrivata alla trasparenza ben prima di noi, li ha mai pubblicati”.