L’Ong francese Syria Charity ha pubblicato sui social un video che in soli tre minuti testimonia quello che sta accadendo ad Aleppo, in Siria, dove l’emergenza e i bombardamenti non hanno mai fine. Una ripresa in soggettiva che dà la misura del dramma vissuto quotidianamente dai siriani in una terra martoriata dalla guerra civile. La telecamera, piazzata a bordo dell’ambulanza, riprende una forte esplosione tra le strade della città che fa crollare alcuni edifici vicinissimi all’ambulanza. Tanto che i detriti volano ovunque e raggiungono anche il mezzo, su cui viaggiano i paramedici, distruggendo il parabrezza. Uno dei volontari “viene quasi ucciso”, riferisce la Ong. Ma l’ambulanza decide di andare a avanti per portare subito aiuto alle persone coinvolte nell’esplosione. I paramedici soccorrono, infatti, un uomo e un bambino. Una ripresa in soggettiva che dà la misura del dramma vissuto quotidianamente dai siriani in una terra martoriata dalla guerra civile, dove dal 2011 più di 400mila persone hanno perso la vita
(video tratto dalla pagina Facebook Syria Charity)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, Merkel: “Non generalizzare su rifugiati: maggior parte terroristi non lo erano”

next
Articolo Successivo

Spagna, torero incornato: ferito grave. Il video choc

next