Stefano Graziano, consigliere autosospeso da Pd e indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, il 19 luglio è tornato tra i banchi del consiglio regionale della Campania. E il Movimento 5 Stelle, di tutta risposta, hanno abbandonato l’aula all’avvio dei lavori per protestare contro la sua presenza.

“Graziano – ha detto la consigliera del M5S Valeria Ciarambino – ha continuato a percepire in questi mesi lo stipendio nonostante la sua assenza. Oggi riappare come novello figliol prodigo, ricevendo baci e abbracci. Che il ritorno avvenga oggi, nell’anniversario della morte di Paolo Borsellino, rende la cosa ancora più grave. Abbandoniamo l’aula per qualche minuto perché siamo indignati e ricordiamo anche che quest’aula è intitolata a Giancarlo Siani. Uscendo, diciamo da che parte sta il Movimento Cinque Stelle e non è certo la parte della camorra“.

Non si è fatta attendere la replica dello stesso Graziano. “Di fronte a quanto accaduto oggi in aula non posso non ribadire che nel nostro Paese si è innocenti fino al terzo grado di giudizio – ha detto il consigliere Pd – Non posso non sottolineare che ricevere un avviso di garanzia non può essere equiparato ad una sentenza di condanna o ad un attestato di colpevolezza ma è, appunto, uno strumento posto a tutela dell’indagato durante la delicata fase delle indagini”. E rispetto alle contestazioni del M5s ha commentato: “E’ una polemica strumentale perché già nelle scorse settimane ho partecipato a sedute di commissioni. Ringrazio i colleghi che hanno preso la parola come segno di solidarietà nei miei confronti e contro i processi mediatici“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, No Tav contro Appendino: “Solidarietà alle forze dell’ordine? Non se ne sentiva il bisogno”

next
Articolo Successivo

Tortura, come ti ammazzo una legge. Videoracconto dello scontro in Senato

next