La stazione ferroviaria di Como San Giovanni si sta popolando di migranti. Se ne contano a decine, tra le panchine dello scalo e il parco sottostante. Arrivano qui da Milano, da dove partono con la speranza di raggiungere la Svizzera, chi per rimanerci, chi per attraversarla alla volta del centro e nord Europa. Ma da qualche giorno le guardie di confine ticinesi in forze alla stazione di Chiasso hanno serrato i ranghi. Non passa più nessuno. Così, i cosiddetti migranti economici, vengono rispediti verso l’Italia senza troppi complimenti. Dopo una foto segnalazione, la registrazione dei dati biometrici, vengono accompagnati al confine e da lì tornano nel nostro paese. Loro non demordono e spiegano: “Ci riproviamo anche domani e dopodomani e, se serve, ci riproveremo ancora”.

A Como vengono aiutati dai volontari della Croce Rossa e della Caritas, oltre a tutta la rete di protezione coordinata dal comune di Como. “La gestione dei migranti – spiega l’assessore ai servizi sociali Bruno Magatti – è di competenza governativa, noi possiamo solo offrire un aiuto appoggiandoci alla solida rete di aiuto che è già attiva in città”, il comune di Como si occupa direttamente dei minori: “I minori non accompagnati ci vengono consegnati dalle forze dell’ordine, ma spesso dopo qualche ora spariscono dal centro e riprovano a prendere la via della Svizzera”. Il fenomeno, comunque abbastanza contenuto nei numeri soprattutto se paragonato ad altre emergenze, secondo il comune è destinato a scemare: “Tra di loro comunicano molto, credo che nel giro di qualche giorno passerà la notizia di questo nuovo atteggiamento da parte della Svizzera e troveranno altre strade da percorrere”, conclude l’assessore.

I volontari della Rete Como Senza Frontiere hanno inoltre denunciato che nella notte tra il 15 e 16 luglio, alla stazione di San Giovanni, sono stati intimiditi da individui che brandivano oggetti spranghe e bastoni. “Un atto violento e di stampo fascista che arriva dopo altre spedizioni perlustrative degli stessi soggetti che esibivano saluti romani e urlavano frasi razziste”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olbia, l’aggressore del disabile pestato nel video shock chiede scusa ma si giustifica: “Non è un invalido”

next
Articolo Successivo

Fiumicino, l’aereo non parte? Il volo Iberia per Vigo viene spinto a mano sulla pista

next