È stato un gruppo di ricerca di studenti a a scoprire che la galassia UGC 1382 è una sorta di collage cosmico. O meglio una sorta di collage di galassie Frankenstein a 250 milioni di anni luce dalla Terra che si mantiene insieme grazie a un fragile equilibrio. La scoperta, pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal dimostra anche che la galassia è 10 volte più grande di quanto si stimasse finora. 

Il team di ricerca guidato dagli studenti Seibert e Lea Hagen, dell’università Pennsylvania State,  analizzando le immagini scattate da telescopi differenti e vista a varie lunghezze d’onda ha scoperto la vera natura del “mostro cosmico”. Studiando la sua immagine ai raggi ultravioletti i ricercatori hanno casualmente scoperto l’esistenza di alcuni bracci a spirale estendersi ben oltre quelli che erano ritenuti i confini di questa galassia. Approfondendo l’indagine a varie lunghezze d’onda hanno poi scoperto che la galassia aveva alcune anomalie e che la sua estensione complessiva risulta essere ben maggiore quanto ritenuto fino a quel momento. Addirittura la terza galassia più estesa mai osservata, sette volte più grande della Via Lattea.

Ma la caratteristica più strana di UGC 1382, per cui è stata ribattezzata Frankenstein, è la sua composizione, un collage tra galassie di vario tipo. “È vecchia all’esterno e giovane all’interno” ha spiegato Mark Seibert, uno degli autori dello studio. “È come trovare un albero – ha proseguito – dove gli anelli più interni sono più giovani di quelli esterni”. Secondo i ricercatori l’unica spiegazione di questa anomalia sarebbe che la galassia è il frutto della fusione di entità distinte, con caratteristiche ed età diverse, che si sarebbero unite in una sola struttura.

Image credit: NASA/JPL/Caltech/SDSS/NRAO

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aids, decretata la fine dell’epidemia in Australia grazie a farmaci antiretrovirali

next
Articolo Successivo

Italiani bocciati sugli antibiotici

next