Il 63% degli italiani è favorevole alle dimissioni del ministro dell’Interno, Angelino Alfano. Lo rivela il primo sondaggio, realizzato da Ixè per Agorà Estate, pubblicato dopo le rivelazioni dell’inchiesta Labirinto che ha coinvolto il fratello e il padre del leader Ncd. Per il 31% degli intervistati dovrebbe invece rimanere al suo posto.

Stabili invece le stime di voto per i partiti, con il Movimento 5 stelle che guadagna lo 0,2%, salendo al 29,2%, e il Pd in lieve calo che perde lo 0,3% e si attesta al 30,9% delle preferenze. Lieve calo anche per tutti gli altri partiti. Aumenta di un punto invece la seppur bassa fiducia nel governo Renzi al 27%.

La ricerca ha tenuto conto anche delle prime settimane di governo delle due neosindache pentastellate di Roma e Torino. La fiducia in Virginia Raggi è al 37% (sommando il 7% di molta e il 30% di abbastanza), il 32% degli intervistati ripone al contrario poca fiducia nella sindaca di Roma e il 15% nessuna. Simili i risultati che riguardano Chiara Appendino, il 31% dichiara molta (5%) o abbastanza (26%) fiducia, mentre il 28% ne ripone poca e il 12% nessuna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi vede Mattarella, “Ho i numeri e vado avanti”. Ma il referendum potrebbe slittare

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, sciagure e disastri nelle previsioni di Confindustria

next