Tra le “altissime cariche istituzionali” con cui il faccendiere Raffaele Pizza, fratello dell’ex sottosegretario del governo Berlusconi, Giuseppe, aveva “legami” e “ragioni di credito” c’era anche il ministro dell’Interno Angelino Alfano o meglio con un suo familiare: il fratello. È stato il gip, nell’ordinanza di custodia cautelare che ha portato all’arresto di 24 persone tra cui il deputato Ncd Antonio Marotta, a mettere l’accento su una liason pericolosa tra i politici corrotti e l’inquilino del Viminale. Lunedì il ministro aveva difeso Marotta dicendo: “Siamo convinti che riuscirà a dimostrare la sua assoluta estraneità”.

Pizza, intercettato dai finanzieri – è il 9 gennaio 2015 – vantava (o millantava?) di aver fatto assumere in una società delle Poste il fratello del ministro. Stando a quanto riportano Repubblica e Corriere della Sera, le Fiamme Gialle hanno intercettato una conversazione tra Pizza e il collaboratore del ministro Davide Tedesco che parlavano appunto dell’incarico fatto avere al congiunto del leader del Nuovo Centrodestra. “Pizza sostiene di aver facilitato, grazie ai suoi rapporti con l’ex amministratore Massimo Sarmi, l’assunzione del fratello del ministro in una società del Gruppo Poste”, annota la Gdf nelle carte dell’indagine che ha fatto emergere una rete di contatti imperniata su Pizza. E Alessandro Alfano è stato nominato nel 2013 dirigente di Postecom, la società dei servizi internet di Poste italiane. Prima di arrivare a Poste il fratello del ministro era stato segretario generale di Unioncamere Sicilia (dal novembre 2006 all’agosto del 2013).

Segue la conversazione telefonica tra Pizza e Tedesco, con il primo che spiega: “Angelino lo considero una persona perbene un amico… se gli posso dare una mano… mi ha chiamato il fratello per farmi gli auguri…tu devi sapere che lui come massimo (di stipendio, ndr) poteva avere 170.000 euro… no… io gli ho fatto avere 160.000. Tant’è che Sarmi stesso gliel’ha detto ad Angelino: io ho tolto 10.000 euro d’accordo con Lino (il soprannome di Pizza, ndr), per poi evitare. Adesso va dicendo che la colpa è la mia, che l’ho fottuto perché non gli ho fatto dare i 170.000 euro… cioè gliel’ho pure spiegato… poi te li facciamo recuperare…sai come si dice ogni volta… stai attento… però il motivo che non arriviamo a 170 è per evitare che poi dice cazzo te danno fino all’ultima lira. Diecimila euro magari te li recuperi diversamente”. Tedesco allora sbotta: “Ma non lo dice come è entrato lì il “sistema” per gestire gli appalti”.

Il sistema viene illustrato da Stefano Orsini, fratello di Alberto commercialista considerato dagli inquirenti al vertice dell’organizzazione. C’è chi pensa a mettere su e nascondere i “fondi neri” con le false fatturazioni e chi si deve coccolare i politici e lavorare ai fianchi delle “altissime cariche istituzionali”. E di queste ultime si occupa Pizza che, parola del gip, è capace di favorire la nomina, ai vertici degli enti e delle società pubbliche, di persone a lui vicine, così acquisendo ragioni di credito nei confronti di queste che, dovendo successivamente essergli riconoscenti, risulteranno permeabili ai suoi metodi di illecita interferenza nelle decisioni concernenti il conferimento di appalti pubblici e attività connesse”.

A leggere le carte gli uomini del sistema non dicono soltanto di riuscire a piazzare il fratello di un ministro alle Poste, ma ad allungare la loro influenza su appalti e sub-appalti per servizi all’Inps e persino l’Agenzia delle Entrate. E dicono di avere “ottimi rapporti” con manager di primo livello come Massimo Sarmi, ma anche con il presidente dell’ente di previdenza Tito Boeri e Agostino Ragosa (Agenda digitale fino al 2014). Nella lista di nomi che contano anche quello di Marcello Dell’Utri a cui sarebbe stato pagato un viaggio nel 2010. Molto prima prima che il destino di uno dei fondatori di Forza Italia e amico di Silvio Berlusconi finisse per diventare “carcerario”.

Tra gli indagati c’è l’ex direttore generale dell’Inps, Vittorio Crecco. Per l’accusa riusciva a “veicolare gli interessi della organizzazione” grazie ai suoi incarichi facendo aggiudicare gli appalti alle imprese “designate dal sodalizio” e ricevendo in cambio non solo bustarelle ma per lui ma anche per il figlio. Di lui sempre Pizza dice: “Io sono un grande amico del Senatore Bonferroni e lui mi ruppe i c… e dice, dobbiamo andare ad Arcore, ti devo presentare il Cavaliere perché il Cavaliere deve fare una grande cosa, aprire i call center… io gli dissi, ok ci vengo e ci portai Agostino Ragosa… che poi è diventato direttore generale dell’Agenda digitale e prima era responsabile grazie a me della parte informatica delle Poste… e Vittorio Crecco… che era responsabile dell’informatica dell’Inps ok? Vi sto raccontando la storia… sei mesi prima andiamo ad Arcore, Vittorio Crecco che è un genio assoluto, è inversamente proporzionale alla sua altezza, dice al Cavaliere di dare un milione ai pensionati e gli fece tutta l’operazione 7-8 mesi prima ancora che le elezioni ci furono qui… questo è impazzito”.