“Non c’è nessuna guerra interna al movimento, non ci sono veti, si discute come è normale che sia, il 7 luglio comunque tutte le caselle saranno a loro posto, abbiamo preso un impegno, dobbiamo partire“. Così Enrico Stefàno, consigliere comunale M5s, in uscita dal Campidoglio dopo un incontro con la sindaca Virginia Raggi. Si parla di lui come possibile vicesindaco, se non si farà marcia indietro sulla nomina di Daniele Frongia come capo di Gabinetto, o come assessore ai Trasporti. “Non è facile trovare una giunta, Roma ha dei danni enormi, e – spiega – non tutti se la sentono di affrontare questo compito, è difficile trovare le persone quando si deve ricostruire una città. A me non interessano le poltrone, ma occuparmi di temi”. “Marra è una persona che lavora, è competente, io c’ho lavorato posso dirlo in prima persona, è preparata” aggiunge sulle polemiche della nomina a vice capo di Gabinetto di Raffaele Marra, definito un alemanniano da molti. “Dobbiamo fare bene nell’interesse di cittadini non de il M5s, Roma non è Torino. E’ oggettivamente una situazione complicata – afferma -, ci sono temi incancreniti da decenni, è complicato trovare persone disposte ad affrontarli, è pacifico da ammettere”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Direzione Pd tra il nodo delle riforme costituzionali e la minoranza dem. La diretta

prev
Articolo Successivo

Direzione Pd, Renzi: ‘Non mi volete più segretario? Fate Congresso e vincetelo’. Cuperlo: ‘Esci da talent o sconfitta storica’

next