Tra poche ore Roma avrà il suo nuovo sindaco. Abbiamo raccolto le voci fuori dal seggio del municipio più popoloso della Capitale, il VII, dove si gioca un vero e proprio testa a testa. “Siamo arrabbiati e mi sembra molto evidente il motivo, questa zona è nel degrado più assoluto” spiega un signore indicando via Asello nel quartiere Tuscolana, la strada che, da più di un mese, è stata chiusa a causa di una voragine con il conseguente spostamento dei cassonetti lungo tutta la strada. “Abbiamo votato tappandoci il naso” dice un signore citando Indro Montanelli, “ho dato un voto di protesta perché il partito che avevo votato non è arrivato al ballottaggio” spiega un ragazzo. Le notizie uscite a pochissimi giorni dai ballottaggi non sembrano aver modificato in alcun modo il voto dei cittadini romani anzi “l’ha rafforzato – spiega una giovane mamma – vogliono solo confonderci”. La maggioranza spera nel cambiamento per Roma, “prima pensiamo ai problemi della città e non alle Olimpiadi” conclude una signora

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Giachetti ai cronisti al seggio: “Rilassato? Rilassatevi voi, io vado a correre ora”

next
Articolo Successivo

Milano, elettori a Chinatown: “Candidati di spessore. I cinesi si sono disinteressati al voto”

next