L’attuale presidente del consiglio comunale di Milano Basilio Rizzo lo chiamò “quel pasticciaccio brutto di via della Signora”, dalla via della sede di Fastweb. Perché a cavallo degli anni duemila, sotto la giunta Albertini, la compagnia telefonica fece affari col comune quando direttore generale era l’oggi candidato sindaco del centrodestra Stefano Parisi. Al centro degli accordi il progetto per cablare la città con la fibra ottica, con la creazione di due società con un azionariato misto tra pubblico e privato: Metroweb (67% della società elettrica Aem, oggi A2a, e 33% di e.Biscom) per la posa dei cavi e, appunto, Fastweb (60% e.Biscom, 40% Aem) per la gestione dei servizi. Fu un affare soprattutto per i privati, mentre alle casse del comune rimasero guadagni trascurabili. Parisi lasciò Palazzo Marino nel luglio del 2000 per diventare direttore generale di Confindustria. Tornò di nuovo a Milano nell’ottobre del 2004 per ricoprire il ruolo di amministratore delegato di Fastweb. Fu una scelta opportuna andare a lavorare nell’azienda che aveva fatto affari col comune? “Questo è successo esattamente 12 anni fa, come mai ve ne ricordate a tre giorni dalle elezioni?”, si limita a dire Parisi concentrandosi piuttosto su un accento sbagliato da chi pone la domanda nel pronunciare il nome di Giuliano Zuccoli, allora presidente di Aem, che in rappresentanza della società del comune divenne presidente di Fastweb, dove nel 2001 entrò anche l’assessore della giunta Albertini, Sergio Scalpelli, oggi sostenitore del candidato di centrosinistra Giuseppe Sala. Al capo di gabinetto di Albertini, Aldo Scarselli, fu affidato invece il ruolo di presidente nell’altra società, Metroweb. Circostanze su cui Parisi, a margine di un incontro nella sede della Cisl, non vuole soffermarsi: “Adesso devo andare via. Venga da me dopo e le spiego bene”. E prima di salire in auto: “Ho fatto bene ad andare in Fastweb, mi hanno chiamato. Abbiamo fatto un miracolo italiano”. Dopo lo scambio di battute con ilfattoquotidiano.it, Parisi ha chiamato in redazione per scusarsi dei toni e dare la sua disponibilità a un incontro in cui rispondere alle domande sulla vicenda

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali Roma 2016, Da Sud a Raggi e Giachetti: “Beni confiscati in abbandono, che ne farete?”

next
Articolo Successivo

Ballottaggio Milano 2016, chi vincerà tra Sala e Parisi? Non lo sanno nemmeno i sondaggi (clandestini)

next