Scontro tra il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, e il candidato per il centrosinistra al comune di Milano, Giuseppe Sala, a “Otto e e mezzo” (La7), dopo le polemiche suscitate dalla distribuzione gratuita del “Mein kampf” di Adolf Hitler con il quotidiano edito da Paolo Berlusconi. “Tu hai offeso migliaia di persone”, dice la conduttrice Lilli Gruber a Sallusti. Che replica: “Perché ho offeso? Io ho pubblicato un documento storico”. Ma Sala sposta il discorso sulla vittoria del ‘neo fascista’ Stefano Pavesi, candidato di Lealtà e Azione che correva per la Lega Nord come consigliere di zona al Municipio 8 di Milano. “Lei mi deve spiegare quale legame c’è tra il giornale e le elezioni”, obietta Sallusti. “E’ l’house organ del vostro partito”, ribatte Sala innescando una lunga polemica. “L’house organ sarà lei”, replica furioso Sallusti che aggiunge: “Questo è un giornale fondato da Indro Montanelli. Repubblica e Corriere sono i suoi house organ che nascondono i bilanci di Expo“. “Montanelli non c’è più da un po’ di tempo e non credo che si identificherebbe più con questo giornale”, osserva la Gruber. “Ma lei è l’house organ di Cairo? Chi la paga?”, controreplica il direttore del Giornale. “Le vorrei ricordare che – spiega la conduttrice – Cairo non ha un partito politico, il suo proprietario del giornale invece lo è da tanti anni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, Scanzi: “La nazionale? Manca il senso di appartenenza: ricordate Pertini?”

prev
Articolo Successivo

Di Pietro sbotta con la Panella: ‘Interrompe sempre. Non va bene, amica mia’

next