Vinsero appena quattro partite e salutarono la A da ultimi in classifica. Eppure cinque anni dopo rappresentano un “blocco” meno noto di quello juventino all’interno della nazionale di Antonio Conte. Nascosta tra le pieghe dei trasferimenti che hanno portato i protagonisti tra Genova, Roma, Torino, Milano, Sunderland e poi Bologna, c’è la storia del blocco Cesena. Stagione 2011/12, i romagnoli hanno quattro titolari fissi nelle prime uscite stagionali. Sono Parolo, Candreva, Giaccherini ed Eder. Li allena Marco Giampaolo fino all’undicesima giornata, poi tocca a Mario Beretta ma la situazione non cambia. Il Cesena perde spesso, pareggia ogni tanto e vince quasi mai.

Eppure cinque anni dopo tre undicesimi (e mezzo) di quella formazione base che nella Serie A di quei tempi non riusciva a mettere insieme due risultati utili consecutivi, lunedì sera ha fermato il Belgio della generazione d’oro. Non fosse successo, oggi saremmo qui a raccontare dell’Italia che si presenta a Euro 2016 andando a pescare nel Cesena che fece peggio di tutti. Marco Parolo, allora 25enne, era un esordiente nella massima serie. Eder aveva giocato già 40 partite, in Romagna ne aggiunse 17 con appena 2 gol e a gennaio salutò tutti per tornare in B, alla Sampdoria, per non andarsene più fino al trasferimento all’Inter dello scorso gennaio. Giaccherini fu una meteora: ebbe il tempo di giocare le amichevoli estive poi prima dell’esordio stagionale in Coppa Italia contro l’Ascoli si accomodò in tribuna. Poche ore dopo, a tre anni dal suo arrivo, si trasferì alla Juventus dove lo volle proprio Conte, che due stagioni più tardi tuonò contro la società per la sua cessione. Partì anche Antonio Candreva: arrivato in prestito dall’Udinese se ne andò a gennaio destinazione Lazio, che potrebbe lasciare nelle prossime settimane.

Cesena fu dunque un’incubatrice sfortunata dell’Italia di oggi. Avrebbe potuto chiudere la stagione in ben altro modo, ma Igor Campedelli – allora alla guida della società – ci mise del suo, tra avventati cambi in panchina e una girandola di acquisti e cessioni, per complicare i piani di una squadra che aveva dei semi di talento assieme a tanta esperienza, portata da elementi come Adrian Mutu e Vincenzo Iaquinta. Quei piedi buoni sono fioriti altrove e martedì si sono ritrovati al Parc Olympique di Lione, il gruppo più numeroso assieme a quello juventino. Dal centrocampo di Cesena a quello dell’Italia sono passati cinque anni, molti trasferimenti, alcune delusioni e altrettanti riscatti. Come quello di un altro ‘figlio’ della Romagna, in gol contro il Belgio come Giaccherini. Ha vestito bianconero anche Graziano Pellè, nel 2006/07. Poi se ne andò in Olanda per la prima volta, rientrò senza fortuna a Parma e alla Sampdoria, dove giocò da gennaio 2012 come Eder al quale diede il cambio il 6 marzo facendo il suo esordio in blucerchiato. A Lione hanno fatto coppia insieme, quattro anni e sei mesi fa lottavano fianco a fianco in B. L’Italia made in Cesena, operaia in cadetteria, sembra che alla fine abbia trovato la sua strada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, ecco chi sono i sette milioni di spettatori medi che non hanno visto giocare la Nazionale Italiana

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, tutte le grandi sorprese del torneo continentale: da Panenka che ispirò Totti all’incredibile trionfo della Grecia nel 2004

next