Virginia Raggi e Roberto Giachetti, candidati sindaco di Roma, si sono sfidati in un confronto ravvicinato al ‘Pala Congressi’ in occasione di un dibattito organizzato da Unindustria. Interviste alternate di trenta minuti condotte dal giornalista Giovanni Floris. Prima dell’inizio, spinto dalle richieste dei fotografi, Roberto Giachetti, seduto in sala accanto a Luigi Abete, Presidente della Banca Nazionale del Lavoro, sale sul palco a stringere la mano all’avversaria del prossimo turno di ballottaggio, tra gli applausi della sala. Analisi dei risultati del primo turno; commenti e giudizi su Renzi; sulla prossima festa del ‘Funerale dell’Imu‘ organizzata dal Pd per il prossimo 16 giugno e sui temi legati alla città: dai trasporti, ai rifiuti. Poi, mentre è ancora in corso l’intervista a di Roberto Giachetti, Virginia Raggi lascia la sala. “No non ci sono rimasto male, ognuno fa quello che gli pare”, ha commentato all’uscita Giachetti., che si era lamentato dell’indisponibilità manifestata dalla candidata del M5S al faccia a faccia, mentre pare che oltre quello di Sky, tra i due sfidanti per la carica di primo cittadino della Capitale, si stia organizzando un secondo confronto tv

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali, doveva andare al ballottaggio in provincia di Taranto. Ma è finito in carcere per frode

prev
Articolo Successivo

Raggi vs Giachetti, faccia a faccia (virtuale) su Olimpiadi e nuovo stadio della Roma

next