Forte e chiara è l’indicazione di votare Chiara”. L’endorsement, che mette in imbarazzo la candidata sindaco a Torino del M5s Chiara Appendino, arriva dall’europarlamentare Mario Borghezio. Lo stato maggiore di via Bellerio si è mobilitato in forze per togliere voti al Pd nei ballottaggi del 19 giugno prossimo. A Torino la scelta tra Fassino, il “cattocomunista” per Borghezio, e la Appendino non è priva di contraddizioni. “Borghezio è un cittadino e può dire ciò che crede. Ha seimila preferenze? Sono voti dei cittadini e sceglieranno in base al programam che presentiamo”, afferma la candidata pentastellata che nei cinque anni passati da consigliera comunale, ha rappresentato la parte più progressista e sensibile ai diritti civili del duo formato con Vittorio Bertola in Sala Rossa. Ora la Appendino per battere il sindaco uscente dovrà raccogliere anche i voti della Lega (7-8%), un elettorato che seppur a livello nazionale può combaciare con quello del Movimento, a Torino non rappresenta il lavoro svolto da lei nella scorsa legislatura

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali Roma 2016, Malagò: “Le Olimpiadi? Possibili anche con Raggi sindaco”. Giachetti: “Ok a referendum”

prev
Articolo Successivo

Comunali Roma 2016, Marino: “Non posso votare Giachetti. La Raggi? Determinata, intelligente e anche severa”

next