Se vi interessa saperne di più di psicologia venite il 23 e 24 maggio al Festival della Psicologia a Roma. La psicologia è una scienza che studia il comportamento dell’essere umano, i suoi processi mentali, affettivi e relazionali, per promuoverne il benessere e migliorarne la qualità della vita. Le informazioni e gli strumenti che offre possono essere applicati a tutti gli ambiti della quotidianità. I suoi studi sono basati sulla ricerca scientifica ma non sempre ne viene riconosciuto il valore ed è ancora abbastanza diffusa l’idea che chi va dallo psicologo non sia normale: molti sono scettici sull’effettiva utilità ed efficienza della psicologia, molti hanno paura di essere etichettati, per alcuni è addirittura dannosa. La psicologia viene spesso confusa con la psicopatologia o identificata con la psicologia clinica e la psicoterapia, che ne costituiscono solo una piccola parte.

Se vi interessa davvero conoscere di cosa veramente si occupa, venite il 23 e 24 maggio in piazza del Popolo, piazza S. Silvestro e piazza della Repubblica: dalle 10 alle 21 ci saranno i gazebo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, dove molti psicologi offriranno la loro consulenza ai cittadini insieme a tante altre attività conoscitive e ludiche per familiarizzare con la nostra scienza, sarà possibile utilizzare supporti didattici, accedere a simulazioni, giochi di ruolo, prendere parte a test ed esperimenti scientifici, confrontarsi sui propri obiettivi, di vita o di lavoro. Il Festival è organizzato con il patrocinio del Ministero della Salute. La sua prima edizione, lo scorso anno, ha dato il via a un dialogo tra psicologi e cittadini che ha consentito di modulare l’offerta attuale in base ai temi più richiesti lo scorso anno: perinatalità, scuola, lavoro, alimentazione, sport e malattia.

Su questi temi, l’Ordine degli Psicologi del Lazio ha realizzato sei e-book, scaricabili gratuitamente, per rendere più coinvolgente l’esperienza dei partecipanti. In ogni piazza l’attenzione sarà focalizzata su due di questi temi: a Piazza San Silvestro, si parlerà di perinatalità e scuola: i genitori potranno chiedere spiegazioni per esempio sul comportamento del loro bambino o consigli su come aiutare i figli nello studio. In Piazza del Popolo si parlerà di alimentazione e cronicità: insieme al rapporto con il cibo, si approfondiranno le questioni legate allo stress correlato agli stati di malattia. In Piazza della Repubblica, infine, verranno toccate le problematiche connesse al lavoro e allo sport: chi vorrà potrà avere indicazioni su come valorizzare il proprio curriculum e le proprie competenze, su come gestire la formazione professionale, o affrontare al meglio le principali criticità della vita lavorativa. Gli sportivi potranno chiedere come migliorare la propria performance e sperimentare il “Biofeedback”, utilizzato dagli atleti professionisti per la valutazione dello stress.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Istat: “2,2 milioni di famiglie senza lavoro. Spesa sociale inefficiente, peggio di noi solo la Grecia”

next
Articolo Successivo

Doppi cittadini? Ormai lo siamo tutti!

next