Italiani Uber alles: siamo noi i più gentili con gli autisti di Uber a Stoccolma. Nei giorni in cui l’Ucraina si è aggiudicata la vittoria della 61esima edizione dell’Eurovision Song Contest – in Italia è ancora più conosciuto come Eurofestival, ma a torto – ospitato quest’anno proprio dalla Svezia, gli autisti di Uber, l’app che sta cambiando la mobilità urbana (e che ha causato più di qualche dispiacere ai tassisti di mezzo mondo), hanno portato in giro per la capitale svedese i turisti accorsi per l’evento canoro. E hanno dato loro un voto. Ebbene, a dare lezioni di stile siamo noi italiani. Anche se di misura.

Secondo le valutazioni rilasciate dai conducenti Uber, infatti, i turisti del Belpaese hanno ottenuto un punteggio medio di 4,94 su 5, primeggiando su Estoni e Olandesi, rispettivamente secondi e terzi e trionfando su  paesi modello, come la Finlandia, al settimo posto. Se è noto ai più che alla fine di una qualunque corsa Uber è possibile assegnare da 1 a 5 stelline al proprio autista personale, dando così un feedback utile all’azienda, non tutti sanno che lo stesso può fare il guidatore con il passeggero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Red Ronnie, il parere di un padre vale come quello di un professore di virologia?

prev
Articolo Successivo

Marco Pannella: la sua lezione a noi del nonprofit

next