I due ex direttori generali del Comune di Milano, Giuseppe Sala e Stefano Parisi, sono i candidati più accreditati per la carica di sindaco. Oltre ad aver svolto lo stesso incarico, hanno un dna comune: vengono dal mondo delle aziende, non sono politici ma manager. Sicché ci si domanda: sono candidati davvero in alternativa? A poco più di due settimane dal voto, siamo andati in strada a parlarne con i cittadini di Milano. “E’ un bene che si confrontino due professionisti esterni ai partiti, perché sanno misurarsi con i problemi concreti”, dichiarano alcuni. “La loro candidatura è il segno della crisi dei partiti, che non esprimono più una classe politica credibile”, spiegano altri. “Sulle questioni che contano sono d’accordo, rappresentano i medesimi interessi“, sostiene qualcuno. “Non basta essere dei buoni manager per amministrare una grande città, la politica è un’altra cosa”, aggiungono altri. E voi come la pensate? dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  (riprese Ricky Farina)

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, quorum impossibile? Piero Ricca alle prese con la confusione degli italiani

next
Articolo Successivo

Politici indagati: quando è opportuno dimettersi? Vox e sondaggio di Piero Ricca

next