I due ex direttori generali del Comune di Milano, Giuseppe Sala e Stefano Parisi, sono i candidati più accreditati per la carica di sindaco. Oltre ad aver svolto lo stesso incarico, hanno un dna comune: vengono dal mondo delle aziende, non sono politici ma manager. Sicché ci si domanda: sono candidati davvero in alternativa? A poco più di due settimane dal voto, siamo andati in strada a parlarne con i cittadini di Milano. “E’ un bene che si confrontino due professionisti esterni ai partiti, perché sanno misurarsi con i problemi concreti”, dichiarano alcuni. “La loro candidatura è il segno della crisi dei partiti, che non esprimono più una classe politica credibile”, spiegano altri. “Sulle questioni che contano sono d’accordo, rappresentano i medesimi interessi“, sostiene qualcuno. “Non basta essere dei buoni manager per amministrare una grande città, la politica è un’altra cosa”, aggiungono altri. E voi come la pensate? dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  (riprese Ricky Farina)

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, quorum impossibile? Piero Ricca alle prese con la confusione degli italiani

next
Articolo Successivo

Politici indagati: quando è opportuno dimettersi? Vox e sondaggio di Piero Ricca

next