Il 26%, più di uno su quattro ha cambiato posto in Aula, tra Senato e Camera, lasciando lo schieramento in cui è stato eletto. E’ questo uno dei record che appartiene alla XVII legislatura, quella in corso, nata all’indomani del voto del 2013. Come rivela Openpolis, in questa legislatura 252 fra deputati e senatori hanno cambiato gruppo, con la media di 10 passaggi ogni mese, uno ogni tre giorni.

Nelle ultime due legislature, con i quattro governi che si sono susseguiti, fino al 2013, dal governo Berlusconi a quello a guida Monti, i cambi di gruppo, al mese, erano poco più di quattro, dal 2013 ad oggi la media è più che raddoppiata. Dall’ultimo governo Berlusconi (IV) che viaggiava con una media di 5 cambi al mese, si è arrivati a 15 con il governo Letta e a 8 con quello guidato da Matteo Renzi.

CHI VA E CHI VIENE – La percentuale più alta di transfughi si registra a Palazzo Madama, dove il 36% dei senatori (uno su tre) ha cambiato casacca almeno una volta. E per i parlamentari che si muovono, ci sono i gruppi che variano, con un effetto domino nato dall’esplosione di due delle principali forze in campo alle ultime elezioni politiche, il Popolo delle libertà e Scelta civica per l’Italia, che ha dato vita a un numero elevato di nuovi schieramenti. Dagli addii al Pdl sono nate Area popolare (Ncd-Udc), Conservatori e riformisti e, da ultimo, Alleanza liberalpopolare-Autonomie, mentre dal partito di Mario Monti sono nati Per l’Italia e Democrazia solidale.

In Parlamento oltre il 32% dei transfughi ha cambiato gruppo più di una volta, quasi il 4% almeno tre volte. Alcuni sono usciti e rientrati nello stesso gruppo in varie occasioni, con il record di Luigi Compagna che è entrato e uscito da Grandi autonomie e libertà per tre volte. Non pochi poi gli eletti passati dall’opposizione alla maggioranza e viceversa. Sinistra ecologia e libertà e partito democratico, che facevano parte della stessa coalizione nel 2013, si sono scambiati una ventina di deputati.

Nella geopolitica del Parlamento italiano, grazie ai trasferimenti in corso, il gruppo Misto è diventato la terza forza politica alla Camera, con 61 membri all’attivo e con il più ampio saldo positivo fra deputati persi e guadagnati. Discorso analogo al Senato, dove il Misto è fra i gruppi maggiormente cresciuti nel corso dei mesi.

CHI VINCE E CHI PERDE – Fatto il saldo, alla Camera dal 2013 partiti come Scelta civica, il Popolo delle libertà e Sinistra ecologia e libertà hanno perso complessivamente la metà dei loro eletti: rispettivamente il 58,70% hanno lasciato il partito di Monti, il 48,98% quello di Berlusconi e il 32,43% quello di Vendola. Premio fedeltà invece al partito democratico (attualmente ha nei gruppi il 94,28% dei suoi eletti) e al Movimento 5 stelle (83,49%).

Dopo scissioni e unioni varie, sono cambiate notevolmente le cose: quello che è rimasto del Popolo delle libertà resiste in Forza Italia; Scelta civica per l’Italia sopravvive solo alla Camera, scorporato dalla fronda popolare e Sinistra ecologia e libertà, mai nato come gruppo autonomo al Senato, si è unito ai fuoriusciti del Pd in Sinistra italiana. La vittima principale del valzer parlamentare è sicuramente il movimento di Silvio Berlusconi: alla Camera e al Senato il gruppo di Forza Italia ha un saldo negativo, rispettivamente di -46 e -50 rappresentanti.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matrimoni in dialetto, proposta di legge della Lega: da nord a sud nozze in lingua locale, ma non per Sinti e Rom

next
Articolo Successivo

Sanità e informazione, il caso Cardarelli di Napoli: rapporti con i mezzi di comunicazione vietati ai dipendenti

next