In Cina il nome iPhone circolerà su portafogli, borse e articoli di pelletteria. Non si tratta di un cambio di strategia aziendale da parte di Apple: più semplicemente, la società ha perso una battaglia legale sull’esclusiva della denominazione iPhone. La sentenza è arrivata dalla Corte municipale di Pechino, giunta dopo una causa intentata anni fa da Cupertino contro la società cinese Xintong Tiandi Technology, che commercializza pelletteria. Intanto Apple annuncia il ricorso: “Abbiamo intenzione di chiedere un nuovo processo presso la Corte Suprema del Popolo e di continuare a proteggere con forza i nostri diritti di marchio”.

Secondo i giudici di primo grado, l’azienda fondata da Steve Jobs non era stata in grado di provare che prima del 2007 in Cina l’iPhone fosse un marchio famoso. Secondo i magistrati d’appello ha influito sulla sentenza anche il fatto che la registrazione dei prodotti di pelletteria era avvenuta nel 2007, l’arrivo del melafonino nel 2009. La Cina è il secondo più grande mercato mondiale per la Apple dopo gli Stati Uniti, anche se le vendite del primo trimestre nel paese sono scese del 26% rispetto all’anno precedente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telecom, per il nuovo ad Flavio Cattaneo un bonus di ingresso da 2,5 milioni

prev
Articolo Successivo

Rai, nel 2015 perdita cala a 25,6 milioni di euro. “Dal canone 1,6 miliardi, 658 milioni di ricavi da pubblicità”

next