Da un lato tende la mano, dall’altra rilancia. Matteo Renzi torna sull’ultima polemica che divide la politica e la magistratura, e lo fa a modo suo. “I politici che rubano fanno schifo – afferma il presidente del Consiglio in un’intervista a La Repubblica – e vanno trovati, giudicati e condannati. Questo è il compito dei magistrati, cui auguriamo rispettosamente di cuore buon lavoro. Dire che tutti sono colpevoli significa dire che nessuno è colpevole. Esattamente l’opposto di ciò che serve all’Italia. Voglio nomi e cognomi dei colpevoli. E voglio vedere le sentenze“.

Ma le parole di Piercamillo Davigo, presidente dell’Anm (“In Italia la vulgata comune è dire che i politici rubano tutti. No, mi fa arrabbiare questa cosa, rubano molti. Non tutti. Altrimenti non avrebbe senso fare i processi”) non sono un’invasione di campo: “No. Una politica forte non ha paura di una magistratura forte. È finito il tempo della subalternità. Il politico onesto rispetta il magistrato e aspetta la sentenza”.

Per Renzi non si sta aprendo un nuovo scontro con la magistratura: “Noi facciamo le leggi, loro i processi”. Sulla necessità di una riforma della giustizia, “adesso la priorità è che si velocizzino i tempi della giustizia”, afferma il premier, che si dice “non interessato all’ennesima discussione sulle intercettazioni“. Quanto alla prescrizione, “va bene allargarla, ma dando tempi certi tra una fase processuale e l’altra”.

Parlando del 25 aprile, “l’antifascismo è elemento costitutivo e irrinunciabile della nostra società. Giusto tenere alta la guardia”, dichiara Renzi, secondo cui le candidature a Roma di Meloni e Raggi non mettono a rischio il senso della Liberazione: “Tutti ci riconosciamo nei valori della Costituzione. Sostenere il contrario significa dare spazio alla delegittimazione come arma della politica”. Il presidente del Consiglio difende quindi la riforma costituzionale: “La deriva autoritaria è quella che ha portato il fascismo. Qui non cambiamo nemmeno i poteri del governo”.

Renzi smentisce la possibilità di una manovra fiscale prima delle amministrative: “Questo è il governo che ha ridotto più tasse nella storia repubblicana. La prossima riduzione fiscale sarà con la Stabilità 2017″. Sulla possibilità di abbassare le aliquote Irpef, “vedremo in Stabilità. Calma e gesso. L’unica cosa di cui i cittadini possono essere tranquilli è che le tasse continueranno a scendere”.

Su un possibile intervento militare in Libia, “interverremo solo se il governo Serraj chiederà a noi e al resto della comunità internazionale un sostegno. E solo insieme alla comunità internazionale. Pronti a un ruolo forte, ma niente avventure”.

Nell’intervista Renzi annuncia una riforma sui diritti tv sul calcio: “Ci sta lavorando in modo costante il sottosegretario Lotti. Questione di qualche settimana e presenteremo il nostro progetto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzione e Italicum, banchetti in tutta Italia per raccolta firme

next
Articolo Successivo

25 aprile, Mattarella: “E’ sempre tempo di Resistenza, ovunque c’è guerra e martirio”. Salvini lo attacca: “Ipocrita”

next