A pochi giorni dalla sospensione del servizio Prime, Tim ha deciso di mettere in stand by anche la rimodulazione tariffaria dell’offerta Voce che sarebbe dovuta partire il primo aprile 2016 e che l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) ha però vietato, perché avrebbe triplicato le bollette dei clienti che hanno la vecchia linea telefonica di base e non hanno aderito nel corso degli ultimi mesi alle offerte ‘tutto incluso’ che prevedono traffico voce e dati illimitati.

Tim, spiega in un comunicato, ha preso questa decisione con “l’obiettivo di garantire alla propria clientela la massima consapevolezza e trasparenza sulle condizioni economiche dei servizi offerti e al fine di assicurare e favorire un confronto aperto, sereno e costruttivo con l’Agcom”. Certo è che se l’Authority non fosse intervenuta diffidando la società e costringendola a bloccare il rincaro, circa 700mila clienti abbonati alla sola rete fissa (cioè il 3% della della clientela totale Tim) si sarebbero visti in bolletta un aumento delle chiamate dal fisso da 10 a 20 centesimi e l’introduzione di uno scatto alla risposta di 20 centesimi.

“Un incremento del 300% del prezzo delle chiamate nazionali da linea tradizionale che – ha spiegato l’Agcom nel suo intervento contro l’ex monopolista della telefonia – non appare giustificato da condizioni economiche generali quali l’andamento dei prezzi al consumo o l’aumento del potere di acquisto degli italiani. Inoltre – ha sottolineato l’Authority – un aumento così consistente che presenta un alto rischio di esclusione sociale dalla cosiddetta rete di sicurezza, il cui accesso e altri servizi di base sono sottoposti agli obblighi di servizio universale“. L’evidente rischio è, infatti, che l’offerta danneggi gli utenti a basso reddito o gli anziani che non hanno intenzione di utilizzare Internet.

Un intervento durissimo, questo dell’Authority, che ha così spinto Tim a bloccare questo salasso che negli scorsi mesi aveva generato una sommossa da parte delle associazioni dei consumatori. “Con il nuovo aumento – avevano denunciato – si vogliono obbligare i clienti a passare al contratto Tutto Voce che ha sì chiamate illimitate, ma è ben più dispendioso per i consumatori che dovranno pagare così un costo fisso mensile di 29 euro contro gli attuali 19 euro”. Numeri alla mano, se non si sfruttano le chiamate illimitate verso fissi e mobili, il gioco non vale infatti  la candela: se prima, per ogni bimestre, si spendevano 38 euro da sommare al costo delle singole chiamate, con la nuova offerta, facendo meno di un’ora e mezza al mese di telefonate, si spenderanno 58 euro.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolare di Vicenza, l’astensione di Cattolica e Generali ha salvato Zonin da azione di responsabilità

next
Articolo Successivo

Banche, fondo Atlante entra in azione e subentra a Unicredit come garante dell’aumento di Pop Vicenza

next