Le astensioni di Cattolica e Generali sono state decisive nell’impedire l’avvio dell’azione di responsabilità della Banca Popolare di Vicenza nei confronti dell’ex presidente Gianni Zonin. A rivelarlo sono i verbali dell’assemblea dei soci dell’istituto dello scorso 26 marzo, nel corso della quale è stata bocciata la mozione in base alla quale sarebbero stati chiesti i danni alla vecchia gestione. Questo in attesa dell’aumento di capitale, fortemente a rischio (il progetto del neonato fondo Atlante, che interverrà per soccorrere l’istituto e Unicredit che lo garantisce, parla esplicitamente di rischio bail in) e della quotazione in Borsa.

Se la compagnia assicurativa di cui l’istituto è primo azionista e il Leone di Trieste, che insieme avevano oltre il 12% del capitale presente in assemblea, avessero votato a favore, la quota di favorevoli all’azione di responsabilità sarebbe arrivata alla maggioranza (38,05%). Tra le astensioni di peso si registrano poi quella di Banca Ifis (1,69%) e della Fiamm (0,55%), l’azienda di cui è amministratore delegato Stefano Dolcetta, presidente di Pop Vicenza dallo scorso novembre.

Hanno invece votato contro Zonin e la sua famiglia, la Fondazione Roi (5,1%), il cui patrimonio è stato polverizzato dall’investimento in Bpvi e di cui Gianni Zonin è ancora presidente, e l’imprenditore dei prosciutti Luca Ferrarini (1,55%). Non tutti gli investitori istituzionali si sono astenuti. La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato (3,55% del capitale in assemblea), ad esempio, ha votato per chiedere i danni alla vecchia gestione, così come la Fondazione Maria Teresa Mioni. A favore dell’azione dei responsabilità si sono espressi 1.346 soci, moltissimi dei quali piccoli azionisti con qualche centinaia o al più poche migliaia di azioni, titoli in cui è stato investito il patrimonio di famiglia o i risparmi di una vita. Dal sindacalista Giuliano Xausa della Fabi, con 677 azioni, a Silvano Corazzin, proprietario di un mobilificio e di 208mila azioni (quasi 13 milioni di euro polverizzati), a società come Immobiliare Veneta (76mila azioni) e Due Mari srl (125mila azioni) fino al gruppo farmaceutico Fis (68mila azioni). Per il sì si è espresso anche l’ex sindaco di Vicenza Enrico Hullweck, l’unico (ex) politico presente all’assemblea.

Tra i no si registrano quelli della Zeta Sas (24mila azioni) di Giuseppe Zigliotto, l’ex consigliere di Bpvi e attuale presidente di Confindustria Vicenza, indagato con Zonin per aggiotaggio e ostacolo all’attività di vigilanza, e il gruppo di costruzioni Maltauro. Ferrarini, oltre ad esprimere voto contrario con i suoi titoli, ha votato no anche con quelli della sua società Effe Energy (3,9% del capitale), portando il suo peso in assemblea al 5,4%. Tra i no della famiglia Zonin si segnalano quelli di Gianni (51mila azioni), dei figli Domenico (21mila), Francesco (22mila) e Michele (22mila), della moglie Silvana Zuffellato (54mila), del fratello Silvano (35mila), a cui si aggiungono i titoli di cui in pancia ad alcune aziende agricole come la tenuta Castello del Poggio (31mila), la tenuta Cà Bolani (88mila), la Badia (18mila).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telecom, per Cattaneo e suoi manager premio fino a 55 milioni se supereranno obiettivi. Sindaci e piccoli soci contrari

prev
Articolo Successivo

Tim, sospeso lo scatto alla risposta e il raddoppio dei costi delle chiamate fisse. Rincari già bocciati dall’Agcom

next