I puristi della Jaguar hanno protestato, assai. Inconcepibile, per loro, arrendersi alle mode dopo oltre settant’anni di prestigio e rigore. Alla fine, tuttavia, si son dovuti mettere l’anima in pace pure loro: il primo sport utility della storia per la casa di Coventry, ovvero la F-Pace, è ormai alle porte.

E sarà realtà, tangibile nei concessionari, tra meno di un mese. Nel frattempo però ha già raccolto qualcosa come diecimila ordini a scatola (semi) chiusa, di cui 500 nel nostro Paese: la filiale italiana della Jaguar conta di venderne, da noi, 3000-3.500 all’anno.

Numeri che magari ancora non spaventano la concorrenza tedesca, anche se tuttavia un occhio alla nuova arrivata le varie Audi, Bmw e Mercedes farebbero bene a tenerlo. Perché quella dell’F-Pace non è di certo un’operazione improvvisata, ma realizzata con cognizione di causa sia a livello tecnico che di design.

A cominciare dall’architettura in alluminio, che porta leggerezza e agilità laddove invece ci si aspetta peso e goffaggine. Del resto, gli sport utility di loro natura non sono certo sportivi: l’iniezione di testosterone e potenza è quasi sempre opera degli uffici marketing.

 

 

Sulla F-Pace il peso ridotto permette invece di utilizzare con profitto anche il nuovo 2.0 diesel Ingenium da “soli” 180 cavalli, ad esempio, spendendo tra i 44 e i 57 mila euro. Che pochi non sono ma, considerando i competitor nel segmento premium, la posizionano tra i modelli più concorrenziali.
Se poi si vuole esagerare ci sono sempre i 3.0 V6 benzina e diesel, rispettivamente da 360 e 300 cavalli. Ma lì si sale col listino: da 60 fin sopra gli 87 mila euro. Non roba da poco.

Qualsiasi sia la versione scelta, comunque, design e tecnologia sono garantiti. La F-Pace si ispira alla concept C-X17 ma esteticamente, e qui forse stanno sia il paradosso che la genialità, ha diversi richiami alla F-Type. E dalla sportiva di casa prende anche sistemi che rendono più gratificante l’esperienza di guida, come il Torque Vectoring, l’Adaptive Dynamics e il Configurable Dynamics.

Ultima notazione per qualcosa di cui, ormai, non si può fare a meno: connettività e infotainment. La F-Pace può contare su l’InControl Touch Pro, l’avanzato sistema progettato in-house da Jaguar Land Rover. Si gestisce tramite touchscreen da 10,2 pollici e prevede, oltre alla navigazione tridimensionale e l’interazione con gli smartphone, anche un Hotspot wi-fi a cui si possono collegare fino a 8 dispositivi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi A4 Allroad, torna la più “fuoristrada” delle sportwagon – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Alfa Romeo Stelvio, lo sport utility del Biscione muove i suoi primi passi – FOTO

next