Subito dopo l’attentato di Lahore in Pakistan, Facebook ha attivato il suo sistema di sicurezza, “safety check” inviando per errore notifiche agli utenti di tutto il mondo, compresi anche coloro che non si sono mai recati nel Paese asiatico. Il social network sta chiedendo a moltissime persone di confermare con un click la propria incolumità a seguito delle esplosioni avvenute nella città pakistana. Immediatamente la reazione delle persone coinvolte si è spostata sugli stessi social network, da Twitter allo stesso Facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Digithon, in Puglia il primo Hackathon italiano: cento idee per cento startup

next
Articolo Successivo

Realtà virtuale, in arrivo dispositivi per immergersi in filmati e giochi

next