Subito dopo l’attentato di Lahore in Pakistan, Facebook ha attivato il suo sistema di sicurezza, “safety check” inviando per errore notifiche agli utenti di tutto il mondo, compresi anche coloro che non si sono mai recati nel Paese asiatico. Il social network sta chiedendo a moltissime persone di confermare con un click la propria incolumità a seguito delle esplosioni avvenute nella città pakistana. Immediatamente la reazione delle persone coinvolte si è spostata sugli stessi social network, da Twitter allo stesso Facebook

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Digithon, in Puglia il primo Hackathon italiano: cento idee per cento startup

next
Articolo Successivo

Realtà virtuale, in arrivo dispositivi per immergersi in filmati e giochi

next