Adelma Marina Tapia Ruiz che sognava di aprire un ristorante peruviano a Bruxelles. Leopold Hect, 20 anni e studente di legge. Oliver Delespesse morto mentre, come ogni mattina, prendeva la metropolitana per andare al lavoro. Fabienne Vansteenkiste, dipendente dell’aeroporto di Zaventem che stava smontando dal turno di notte. Sono questi alcuni dei nomi delle 32 vittime che hanno perso la vita nelle stragi di Bruxelles del 22 marzo scorso. L’identificazione procede lentamente a causa delle condizioni in cui sono stati trovati i corpi dopo le esplosioni.

Attentati Bruxelles, da Adelma a Leopold: i nomi e le storie delle vittime identificate

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Museo del Bardo, diario di una visita. I volti dei quattro italiani tra le tessere del mosaico

next
Articolo Successivo

Salah Abdeslam, le menzogne e le incoerenze dell’interrogatorio. Le Monde: “Persa occasione di sventare gli attacchi”

next