In classe non sono i libretti sulla raccolta differenziata, ma anche quelli in cui si dice che i termovalorizzatori non sono dannosi alla salute. Succede in alcune scuole di Firenze e il progetto di educazione ambientale è sostenuto tra gli altri da Quadrifoglio Spa, società di raccolta rifiuti al cento per cento pubblica (i soci sono 12 Comuni). Quadrifoglio costruirà insieme a Hera il nuovo inceneritore della Toscana centrale. Un libretto “molto discutibile”, lo definisce il Movimento Cinque Stelle: anzi, per i grillini è una “vergognosa propaganda pro-inceneritore nelle scuole”. A rispondere è il direttore di Quadrifoglio, Livio Giannotti: “E’ un caso che non esiste, una polemica strumentale: nessuna propaganda. Anche il dottor Umberto Veronesi dice che non c’è correlazione tra questi impianti e i tumori“. I grillini hanno presentato una mozione in consiglio regionale per ritirare l’opuscolo e rettificare il testo. Un atto poi bocciato anche con i voti del Pd: “Il nostro – ha precisato la consigliera democratica Titta Meucci – è un voto basato su posizioni non ideologiche e sempre attente alla salute dei cittadini”.

Il libretto: “Termovalorizzatori dannosi? I medici smentiscono”
Al centro della polemica è finito Riusi: da rifiuti a risorse. Impara, sperimenta e gioca! scritto nel 2014 da Claudia FachinettiAlfredo De Girolamo, che è presidente Confservizi Cispel Toscana (l’associazione regionale delle imprese di servizio pubblico) e membro del cda di Ispra, che l’Istituto superiore per la Protezione e la ricerca ambientale. Un libretto, sottolineano i Cinquestelle, “proposto da Quadrifoglio assieme a altre simili società che gestiscono i rifiuti”. La frase incriminata è: “Lo sai che in Italia la presenza dei termovalorizzatori non è sempre ben vista dalla popolazione locale che non vuole l’impianto vicino a casa e teme effetti dannosi sulla salute ma, oggi, i medici lo smentiscono”. Un opuscolo previsto nel progetto 2015-2016 “Usi rifiuti = riusi risorse”, organizzato con gli assessorati all’educazione, che coinvolge alcune scuole elementari e medie dei 12 Comuni fiorentini serviti (e soci) di Quadrifoglio.

Il M5s: “I termovalorizzatori? Insalubri”
I grillini chiedono di ritirare il libro e di “informare sui rischi sanitari“, poi accusano Quadrifoglio di stare approfittando “della sua posizione istituzionale“, di “favorire esclusivamente interessi di parte” e di “accreditare la linea inceneritorista“. A parlare di “conflitto d’interessi” è Silvia Noferi, consigliera comunale grillina a Palazzo Vecchio. Secondo il M5s Toscana esisterebbero inoltre “autorevoli studi nazionali e internazionali” che dimostrerebbero come questi impianti (“una soluzione ottocentesca”, rilevano) siano industrie altamente “insalubri”.

L’azienda: “Termovalorizzatori? Solo in una pagina”
Accuse che la Quadrifoglio rispedisce al mittente. Secondo il direttore Giannotti “il libro nasce in casa Cispel e di termovalorizzatori si parla solo in una pagina su 71: è un testo corretto che parla soprattutto di raccolta differenziata e riciclo”. Il dirigente dell’impresa di raccolta rifiuti precisa poi di “non aver proposto nulla a nessuno” e che il libro “non è stato distribuito in massa a tutte le scuole ma solo in quelle che hanno aderito al progetto”.

Quanto al nuovo progetto che impegnerà Quadrifoglio e Hera è un impianto che da anni al centro di polemiche e verrà realizzato nella zona di Case Passerini, nel territorio di Sesto Fiorentino. A realizzarlo sarà QThermo, società di scopo partecipata al 60 per cento da Quadrifoglio e al 40 dalla multi-utility emiliana. “Nelle prossime settimane – afferma Giannotti – verrà ultimato il cantiere: serviranno 700 giorni per costruirlo”. Un’operazione da 135 milioni di euro: “E’ un impianto di terza generazione, iper-sicuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale dell’acqua: risorsa dal volto umano

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale dell’acqua: bere dal rubinetto non è da sfigati

next