Sabato era accaduto a Chicago, in Illinois. Poi è stata la volta del Kansas. Il clima della campagna elettorale di Donald Trump, nel pieno delle primarie repubblicane, si infiamma con il passare dei giorni. La polizia, con agenti a cavallo e in tenuta antisommossa, ha usato spray al peperoncino fuori dal comizio del miliardario a Kansas City, intervenendo per disperdere una folla di contestatori e interrompere i tafferugli che erano scoppiati fra sostenitori e detrattori. “Mi auguro che queste persone siano sbattute in carcere – ha detto Trump – dovranno spiegare a mamma e papà perché hanno precedenti in fedina penale e perché non possono trovare un lavoro. E sapete cosa? Comincerò a denunciare tutte queste persone e a quel punto avranno un problema”.

Non è la prima volta che sorgono tensioni a eventi del candidato favorito alla nomination repubblicana per la corsa di novembre per la Casa Bianca. Venerdì Trump aveva sospeso un comizio in programma a Chicago, in Illinois, dopo che si erano verificati scontro tra supporter e oppositori: per quegli eventi il politico Gop ha accusato sostenitori del democratico Bernie Sanders, al quale si è riferito definendolo “il nostro amico comunista“. E Sanders dal canto suo non ha fatto attendere una risposta: “Donald Trump sta mostrando al popolo americano che è un bugiardo patologico. Ovviamente, anche se apprezzo che avessimo nostri sostenitori al comizio di Trump a Chicago, il nostro partito non ha organizzato le proteste”.

E anche ieri scene di tensione si sono viste durante un evento di Trump, all’aeroporto internazionale di Dayton, in Ohio: un uomo in jeans e maglietta nera ha cominciato a correre verso il palco ed è stato bloccato da quattro membri del Secret service, che sono saliti sul palco per garantire la sicurezza. In precedenti eventi di campagna elettorale di Trump, inoltre, contestatori e giornalisti erano stati aggrediti, bloccati e trascinati fuori.

“Il Secret Service ha fatto un buon lavoro – ha commentato il miliardario – non sono come avrei reagito, ma sicuramente non starei stato a guardare, lo avrei colpito. Non so come sarebbe andata ma lo avrei colpito”, ha detto ancora Trump, precisando che l’uomo è stato poi portato in tribunale, dove il giudice lo ha lasciato andare: “L’uomo, secondo quanto ricostruito dal mio staff, è legato all’Isis e dovrebbe essere ora in carcere”.

I sondaggi, intanto, danno in netto vantaggio in vista le primarie repubblicane di Florida e Illinois. Le prime surclassando il senatore Marco Rubio, con un vantaggio di oltre venti punti, le seconde battendo altrettanto nettamente il senatore Ted Cruz. Mentre in Ohio è testa a testa col governatore John Kasich, avanti di qualche punto. E’ quanto emerge dall’ultimo sondaggio di Wall Street Journal/Nbc in vista del nuovo ‘Super Tuesday’. In Florida – secondo il sondaggio – Trump ha il 43% delle preferenze contro il 22% di quelle di Rubio e il 21% di Cruz. In Illinois il tycoon è al 34% contro il 25% di Cruz e il 21% di Kasich. Quest’ultimo è avanti in Ohio (Stato di cui è governatore) col 39% delle preferenze, contro il 33% di Trump e il 19% di Cruz.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Germania, Merkel a rischio nel voto dei Laender dopo la crisi migranti. I nazionalisti di Afd pronti a fare il pieno

next
Articolo Successivo

Migranti, Austria: “Chiudere anche la rotta italiana”. Grecia, bloccati in 44mila: primi casi di epatite a Idomeni

next