Mentre lanciano fotocopie di banconote al di là del cancello della villa di Laterina (Arezzo), residenza della famiglia Boschi, chiamano a gran voce Pier Luigi Boschi, ultimo vicepresidente della vecchia banca Etruria, che ha lasciato sul lastrico migliaia di risparmiatori e sul cui dissesto sono in corso diverse inchieste della Procura di Arezzo. Incluso il filone per bancarotta in seguito alla dichiarazione di insolvenza del Tribunale fallimentare. Alcune decine dei risparmiatori truffati riuniti nell’associazione Vittime del Salva banchhe da stamattina stanno manifestando nel paese natale della ministra Maria Elena Boschi. I manifestanti espongono cartelli e striscioni contro il decreto del governo che il 22 novembre ha azzerato i titoli di Banca Etruria, Cariferrara, Carichieti e Banca Marche. Muniti di fischietti, trombe e tamburi, hanno rumoreggiato parecchio e urlato più volte: “Esci fuori“. C’è voluto l’intervento dei carabinieri a presidio della villa per impedire che si avvicinassero troppo. La protesta è durata circa mezz’ora, poi i manifestanti si sono trasferiti in corteo nella piazza di Laterina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Economia italiana in ripresa? Ecco alcuni dati

next
Articolo Successivo

Politica industriale: dopo tanti ‘cahiers de doléances’, una lettera che rincuora

next