Due miliardi di debiti, 806 milioni di rosso e ricavi in calo del 10%. E’ la situazione di Saipem dopo il fallimentare aumento di capitale da 3,5 miliardi che è stato un bagno di sangue per gli azionisti, compresa la Cassa depositi e presiti che ci ha investito alla fine dell’anno scorso e si ritrova in portafoglio un titolo che vale oltre l’80% in meno. A festeggiare è stata solo Eni, che ha potuto “deconsolidare”, cioè non deve più iscrivere nel proprio bilancio, il maxi debito della controllata guidata da Stefano Cao, peraltro fortemente ridotto rispetto ai 5,4 miliardi del 31 dicembre scorso proprio grazie alla ricapitalizzazione.

Il bilancio 2015 si è chiuso con una perdita quasi triplicata rispetto ai 230 milioni del 2014 e un margine operativo lordo in calo del 58,1%, a 508 milioni. E’ la conseguenza, scrive il gruppo in una nota, di svalutazioni complessive per 916 milioni di euro, e di uno “scenario fortemente deteriorato” a causa del calo dei prezzi del petrolio. I ricavi si attestano a 11,507 miliardi, giù del 10,6%.

Gli obiettivi per il 2016 sono stati confermati: il gruppo punta a ricavi superiori a 11 miliardi di euro e un utile netto di circa 300 milioni. L’anno scorso l’azienda ha annunciato che nei prossimi tre anni lascerà a casa 8.800 persone e il piano strategico al 2019 approvato dal consiglio di amministrazione prevede un taglio dei costi di 1,5 miliardi per il periodo 2015-2017.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Esselunga, Bernardo Caprotti vince in Cassazione contro i figli: gruppo resta suo

next
Articolo Successivo

Trivelle, la Cassazione: “Piattaforme petrolifere devono pagare l’Ici”

next