Pazienza e lunga vita. Un binomio all’apparenza strano, ma che invece sembra avere un riscontro scientifico. Almeno è quello che si sostiene in una ricerca della National University di Singapore. L’impazienza, la collera e la smania – secondo lo studio pubblicato su Pnas – sono stati d’animo che potrebbero portare ad un invecchiamento precoce rispetto a chi invece è più calmo e quieto.

“L’impazienza è negativamente associata ad un ampio spettro di attività che danneggiano la qualità della vita, dall’abuso di sostanze ad un eccesso di attività fisica, che possono consumare l’organismo” e – ipotizzano i ricercatori – potrebbe essere scritta anche nel nostro Dna. Per misurare quanto si è smaniosi e a quali conseguenze porta questo stato d’animo – riporta il Telegraph – gli scienziati si sono affidati ad una prova nota come ‘Marshmallow Test’, usata con i bambini a cui viene chiesto se vogliono un dolcetto subito o due più tardi: chi sceglie la seconda opzione e aspetta, in genere ha maggiori possibilità di fare bene nella vita.

I ricercatori hanno chiesto a 1.100 studenti di partecipare ad un gioco in cui potevano scegliere un premio in denaro immediato o attendere ed avere più soldi in futuro. Allo stesso tempo ai partecipanti sono state fatte analisi del sangue ed è stata misurata la lunghezza dei loro telomeri, i ‘cappucci’ di protezione dei cromosomi che impediscono al Dna di danneggiarsi e sono una spia, quando si accorciano, anche dell’invecchiamento.

Ebbene, gli studenti che avevano scelto la ricompensa immediata avevano anche telomeri più corti, il che suggerisce che l’impazienza è in qualche modo scritta nel Dna ed è legata ad una diminuzione della durata della vita. “Non siamo in grado di dare ancora una risposta certa ai meccanismi di base che legano i telomeri all’impazienza, se infatti quest’ultima è la causa dell’accorciamento dei telomeri o, in alternativa, i telomeri più corti portano ad essere maggiormente impazienti”.

Lo studio su Pnas

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sogni, “non sono figli di un cervello ozioso” come diceva Shakespeare

prev
Articolo Successivo

Dieta Smartfood, i 32 cibi che aiutano la longevità: ci sono anche cioccolato e té

next