Era il 5 febbraio 2011. Al Palasharp di Milano Libertà e Giustizia aveva organizzato un raduno per chiedere a gran voce le dimissioni del premier Silvio Berlusconi. Tra le motivazioni dei relatori, quella di Umberto Eco, scomparso il 20 febbraio 2016 all’età di 84 anni, riscosse lunghi applausi e strappò molte risate tra i presenti. “Chiediamo le sue dimissioni perché non si può essere governati da uno schizofrenico, che il venerdì non ricorda quello che disse il giovedì”, spiegava l’intellettuale nel suo intervento dal palco, accanto a Gustavo Zagrebelsky e Roberto Saviano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Confini marittimi Italia-Francia, “il nuovo accordo lascia a Parigi le zone più pescose”

next
Articolo Successivo

Bimba di 7 mesi morta a Cosenza: “E’ stata soffocata”. Fermata la madre. “Soffriva di depressione”

next