Un taglio della forza lavoro che potrebbe riguardare fino al 15% dei dipendenti di Yahoo. A riportare la notizia è il Wall Street Journal. Secondo il quotidiano economico finanziario Marissa Mayer, l’amministratore delegato della società con sede principale a Sunnyvale, California, annuncerà a breve un piano di ristrutturazione aziendale e di riduzione dei costi che include anche la chiusura di uffici e unità di business. Al 30 giugno 2015, i dipendenti di Yahoo erano circa 11mila e a breve circa un lavoratore su dieci dovrà lasciare il proprio incarico in azienda.

Da quando a metà 2012 Mayer ha preso il timone della società di servizi internet, fondata nel 1994 da David Filo e Jerry Yang, il fatturato è sceso, anche se solo di poco, e la quota di ricerche web negli Usa è rimasta praticamente invariata, senza riuscire a guadagnare spazio nei confronti del leader Google.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, truffa “alla Madoff” da 7,6 miliardi di dollari. Nel mirino la piattaforma di prestiti Ezubao, 21 arrestati

next
Articolo Successivo

Alphabet, la holding a cui fa capo Google supera Apple: è la società che vale di più al mondo. Facebook scavalca Exxon

next