Fa discutere l’avvertimento della Commissione Ue sul tema dei flussi migratori: in caso di “minaccia sistemica e persistente” alle frontiere esterne di Schengen, Bruxelles può proporre la reintroduzione dei controlli sui confini interni fino a due anni. Sei Paesi li hanno già ripristinati. All’indomani del vertice di Amsterdam siamo andati in strada a raccogliere i commenti dei cittadini. L’opinione prevalente è che il ripristino dei controlli alle frontiere interne sia una “pericolosa involuzione” perché mette a rischio il processo di integrazione europea e non serve a risolvere il problema dell’immigrazione. Ma c’è anche chi ritiene che a questo punto sia un “rimedio necessario” per garantire la sicurezza dei cittadini europei. E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più
(riprese di Ricky Farina)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, matrimoni e adozioni. Quali diritti per le coppie gay? Vox e sondaggio di Ricca

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma 2016, Roberto Giachetti può farcela? Vox e sondaggio di Piero Ricca

next