Fa discutere l’avvertimento della Commissione Ue sul tema dei flussi migratori: in caso di “minaccia sistemica e persistente” alle frontiere esterne di Schengen, Bruxelles può proporre la reintroduzione dei controlli sui confini interni fino a due anni. Sei Paesi li hanno già ripristinati. All’indomani del vertice di Amsterdam siamo andati in strada a raccogliere i commenti dei cittadini. L’opinione prevalente è che il ripristino dei controlli alle frontiere interne sia una “pericolosa involuzione” perché mette a rischio il processo di integrazione europea e non serve a risolvere il problema dell’immigrazione. Ma c’è anche chi ritiene che a questo punto sia un “rimedio necessario” per garantire la sicurezza dei cittadini europei. E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più
(riprese di Ricky Farina)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, matrimoni e adozioni. Quali diritti per le coppie gay? Vox e sondaggio di Ricca

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma 2016, Roberto Giachetti può farcela? Vox e sondaggio di Piero Ricca

next