C’è un solo modo per ricordare ed onorare la memoria di chi fu sterminato, un anno fa, nella redazione di Charlie Hebdo ed è quello di rispettarne lo spirito originario, l’irresistibile passione per l’invettiva, per il politicamente scorretto, per le immagini più estreme ed urticanti.
Ricordarli attraverso la retorica e la celebrazione significa oltraggiarli, anche da morti.

Paradossalmente il riconoscimento più bello a loro e ai loro eredi è arrivato da quei religiosi, cattolici ed islamici, che si sono irritati per la copertina dell’ultimo numero, raffigurante il Dio della guerra e del terrore, che, peraltro, era uno dei temi storici della rivista, sin dalla fondazione.

charlie

Ancora più fastidiosa, tuttavia, è la retorica di quei governanti che, dopo aver marciato a Parigi per la libertà di informazione e di satira, sono tornati in patria e, con il pretesto della lotta al terrore, hanno tentato e tentano di limitare il diritto di cronaca e la libera circolazione delle persone e delle opinioni.
Tra quei governanti non mancavano neppure i rappresentanti di quei paesi, dall’Arabia Saudita alla Turchia, passando per la Siria e la Cina, che sono in testa alla lista dei paesi che perseguitano gli oppositori, la libertà di espressione, il diritto alla satira, i cronisti che non piegano la schiena.

Tra di loro Ruqia Hassan, una giornalista siriana, uccisa, anche lei, dall’Isis.
Ruqia aveva tutto per dispiacere agli oscurantisti e agli integralisti: era donna, credeva nella separazione tra stato e Chiesa, aveva scelto di restare a Raqqa e di continuare a raccontare la vita quotidiana, usava l’arma dell’ironia, era diventata un punto di riferimento per chiunque volesse saperne di più sulla Siria e sulla presenza dell’Isis.
Troppo per il boia, anche perché quella voce narrava dall’interno dell’impero e in tal modo lo ridicolizzava, ne mostrava contraddizioni e fragilità.

Chi non poteva sopportare la libertà e lo sberleffo di Charlie, ancor meno poteva e può sopportare la presenza di giornalisti “musulmani” che non accettano di farsi “oscurare”, per questo ci sembra giusto ricordare insieme chi, pur diverso per svelte politiche, civili e religiose, è stata ammazzato per non aver accettato bavagli, di qualsiasi natura e colore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord fa esplodere bomba, Gad Lerner: “Peccato che Salvini e Razzi non si trovassero nella loro patria elettiva”

next
Articolo Successivo

Renzi, gufi e controgufi. Perché il premier fa bene a insistere con l’ottimismo

next