Al via l’azione collettiva contro lo Stato per il blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici, fermi dal 2010. Lo scorso giugno come è noto la Corte costituzionale ha dichiarato “illegittimo” il congelamento, ma senza effetto retroattivo. Vale a dire che non ha imposto al governo di restituire agli statali i soldi persi negli ultimi cinque anni. Tuttavia il Codacons ritiene che i lavoratori interessati possano chiedere il risarcimento dei danni patrimoniali subiti per inadempimento dell’obbligo per il periodo successivo alla pubblicazione della sentenza, ossia a far data dal 30 luglio 2015 fino all’effettivo rinnovo, che non è ancora arrivato. Per questo ha pubblicato sul suo internet una pagina attraverso cui si può aderire alla class action.

Con la stessa azione l’associazione consumatori chiede insieme ai dipendenti pubblici il rinnovo dei contratti collettivi per il personale pubblico dipendente dall’1 gennaio 2016, “obbligo direttamente scaturente dalla sentenza della Corte Costituzionale”. La richiesta che ciascun pubblico dipendente può formulare, secondo il Codacons, è di 100 euro al mese a titolo di indennizzo per il periodo che va dal 2010 al 30 luglio 2015 e di 200 euro al mese per il periodo successivo al 30 luglio 2015, per un totale di 8.800 euro a lavoratore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salva banche, commissario Etruria vuol chiedere danni anche ai revisori. Carife “depauperata con truffa immobiliare”

next
Articolo Successivo

Salva banche, a rilento decreti su rimborsi ai risparmiatori truffati. “Slittano a febbraio, rischio incostituzionalità”

next