La scritta “Jedem das seine”, che tradotto significa “a ciascuno il suo”, attraversa la parte bassa della schiena, sovrastata dal disegno del campo di concentramento di Auschwitz. Si era presentato in una piscina pubblica di Berlino con questo tatuaggio Marcel Zech, politico di 27 anni del partito di estrema destra Npd eletto a Barnim in Brandeburgo. Un giornalista l’ha immortalato e ha pubblicato la foto su Facebook. Da lì sono iniziate le indagini e oggi il tribunale di Oranienburg, cittadina della stessa regione, l’ha condannato a sei mesi – quattro in meno rispetto a quelli richiesti dall’accusa – con la condizionale per incitamento all’odio.

jedem grande 300Il giovane era pregiudicato e in passato era stato già condannato per lesioni personali. Il giornalista che ha scattato la foto, presente come testimone al processo, ha detto di essersi “sentito in dovere di documentare l’avvenimento, perché fuori dall’ordinario e perché tutti vedevano il tatuaggio ma nessuno sembrava scandalizzarsi”. In aula Zech è stato difeso dallo storico avvocato dell’estrema destra Wolfram Nahrath e da Ralf Wohlleben, considerato uno degli esponenti di punta del neonazismo in Turingia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, Podemos: è ora di un’alternativa mediterranea

prev
Articolo Successivo

Migranti, naufragio nell’Egeo: 11 persone affogate. Quasi 3700 morti nel 2015

next