Cresce ancora il gruppo Volkswagen in Europa, ma meno della concorrenza. A novembre, il costruttore investito dallo scandalo dei diesel ha venduto 11.000 macchine in più rispetto allo stesso mese del 2014, cioè il 4,2% in più, ma nel complesso il mercato europeo ha registrato un +13,7%. Secondo i dati diffusi dall’Acea, il gruppo rimane di gran lunga il primo del Vecchio Continente, ma ha perso quote di mercato, passando dal 26,8 al 24,5%. Tutti i marchi perdono: la “fetta” del brand Volkswagen passa dal 13,5% al 12,2, quella dell’Audi dal 5,7% al 5,2; quella della Seat dal 2,5% al 2,2. Tengono meglio Skoda (4,4% contro 4,5 di novembre 2014) e Porsche (0,4 contro 0,5%).

Poiché il “dieselgate” è scoppiato a fine settembre, sui dati dei primi 11 mesi del 2015 il suo impatto si sente di meno: il gruppo Volkswagen cresce del 6,3% in un mercato europeo che si allarga dell’8,6% (a 13.045.791 esemplari). La quota di mercato di VW Group passa dal 25,5% dell’anno scorso al 25%.

A novembre, in Europa sono state immatricolate 1.124.964 automobili, come detto il 13,7% in più rispetto allo stesso mese del 2014. Fra i primi 5 mercati, balzano in avanti l’Italia (+23,5%) e la Spagna (+25,4%), mentre le più grandi e stabili Germania, Regno Unito e Francia crescono con meno fragore (+8,9, +3,8 e +11,3% rispettivamente). Fra i gruppi automobilistici, trainano la ripresa Renault (+15,1%), Ford (+20,5%), Opel (+18,4%), FCA Fiat Chrysler (+18,3%), Daimler (+22,7%), Volvo (+22%), Mazda (+38,5%), Suzuki (+32%), Jaguar Land Rover (+70%), Honda (+25,4%), Mitsubishi (+19,4%). Crescono più o meno come il mercato PSA Peugeot Citroën (+12,8%), BMW (+11%) e Hyundai (+12%). Perdono quote di mercato, oltre al gruppo VW, anche Toyota (+5,2%), Nissan (+5,7%), Kia (+9,2).

– Dati del mercato auto europeo a novembre 2015 per Paese
Dati del mercato auto europeo a novembre 2015 per costruttore

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

General Motors, il blocchetto difettoso costa 600 milioni di dollari di risarcimenti

next
Articolo Successivo

Volkswagen, NOx falsati: stabiliti tempi e modi del richiamo europeo. Tutte le info

next