Le persone senza fissa dimora in Italia sono salite a 50.700, dalle circa 47mila del 2011. E la condizione tende sempre più spesso a diventare cronica: se quattro anni fa il 28,5% restava senza casa per meno di tre mesi, oggi quella percentuale è scesa al 17,4%. Al contrario, è aumentata dal 27,4 al 41,1% la quota di quanti sono per strada da più di due anni e dal 16 al 21,4% quella di chi lo è da oltre quattro anni. È quanto emerge da un’analisi Istat condotta in 158 Comuni italiani: si tratta della seconda indagine sulla condizione delle persone in povertà estrema, realizzata in seguito a una convenzione tra l’istituto di statistica, il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, la Federazione italiana degli organismi per le persone senza dimora (Fiopsd) e Caritas italiana. La stima si basa sugli utenti delle mense e dei ricoveri notturni ed esclude i minori, i Rom e tutte le persone che, pur non avendo una dimora, sono ospiti in forma più o meno temporanea presso alloggi privati.

Il numero complessivo è salito tra 2011 e 2014 dal 2,31 al 2,43 per mille della popolazione iscritta presso i comuni. Quanto alle caratteristiche, si tratta per lo più di uomini (85,7%), stranieri (58,2%) e persone con meno di 54 anni (75,8%), anche se, a seguito della diminuzione degli under 34 stranieri, l’età media è aumentata da 42,1 a 44 anni. Solo un terzo ha almeno il diploma di scuola media superiore. Cresce rispetto al passato, dal 72,9 al 76,5%, la percentuale di chi vive solo. Poco più della metà (il 51%) dichiara di non essersi mai sposato. La quota di persone senza dimora che si registra nelle regioni del Nord-ovest (38%) è del tutto simile a quella stimata nel 2011, così come quella del Centro (23,7%) e delle Isole (9,2%); nel Nord-est si osserva invece una diminuzione, dal 19,7% al 18, che si contrappone all’aumento dall’8,7% all’11,1% nel Sud

Milano e Roma accolgono ben il 38,9% delle persone senza dimora: 23,7% nel capoluogo lombardo, una quota in leggera flessione dal 27,5% del 2011, e 15,2% nella capitale. Palermo è il terzo comune dove vive il maggior numero di persone senza dimora: il 5,7%, in calo rispetto all’8% del 2011. Seguono Firenze (3,9%), Torino (3,4%), Napoli (3,1%, in aumento rispetto all’1,9% del 2011) e Bologna con il 2%.

Nel 2014 erano 768 i servizi di mensa e accoglienza notturna per le persone senza dimora nei 158 comuni italiani in cui è stata condotta la rilevazione. Rispetto al 2011, il numero è diminuito del 4,2%: i servizi di mensa passano da 328 a 315 e le accoglienze notturne da 474 a 453. Tuttavia, se si considerano le prestazioni (pranzi, cene, posti letto) mensilmente erogate si osserva un aumento del 15,4%, da 749.676 a 864.772, soprattutto per le mense, dove l’aumento è stato pari a circa il 22%. Ne deriva che, complessivamente, i servizi attivi nel 2014 hanno erogato, in media, più prestazioni di quelli che erano attivi nel 2011: da 1.226 pasti a 1.553 per le mense e da 733 posti letto a 829 per le accoglienze notturne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Livorno è la città d’Italia dove, dopo Roma e Ferrara, mi piacerebbe più vivere’

next
Articolo Successivo

Natale, nello spot il nonno si finge morto. E se accadesse per davvero?

next